Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Dura la vita dei supereroi

Disoccupato da 15 anni: si traveste da Superman per sopravvivere


Disoccupato da 15 anni: si traveste da Superman per sopravvivere
20/06/2012, 19:06

Lima (Perù) - Tempi difficili per tutti, supereroi compresi. A testimoniarlo è l’esperienza di Avelino Chavez, 52enne peruviano che da quando nel 1997 ha perso il lavoro, ha fatto di mantello e stivali rossi ( oltre che, naturalmente, di una maglia blu dove campeggia una ben nota S ) la sua divisa di lavoro. "Persi il lavoro ma mi resi conto che potevo essere Superman", racconta ad Associated Press. "Andai in un negozio - aggiunge - comprai una maglietta blu e mi feci cucire mantello, stivali, cintura e calze rosse da una mia cugina sarta". Dopo aver tentato di intraprendere le più disparate professioni, dal fare il matador nelle corride all’artigianato, sino a diventare la guardia di una casa di piacere, Avelino racconta che il travestimento da Superman è stata l’unica professione che non l’ha mai lasciato al verde. I suoi superpoteri gli concedono però guadagni piuttosto modesti: solo 160 euro al mese! "Cerco di mantenere l'ordine nella città", ha continuato a spiegare e, nel 2002, ha anche recuperato un portafoglio rubato a una donna. Presente a tutte le manifestazioni più importanti a Lima, capitale del Perù, è apparso anche in numerosi comizi politici e nella foto del matrimonio del tenore Juan Diego Florez. Dieci anni fa, un partito politico peruviano, gli chiese di candidarsi al Congresso, ma Chavez non riuscì a spuntarla e non fu eletto. Single e senza figli, il nostro Superman peruviano vive in quartiere molto povero del centro di Lima. "Se avessi una fidanzata - dice - vorrei fare l'amore con lei sulla luna". Un dubbio può sovvenire. Che Avelino riesca a incontrare da qui a breve tempo una compagna da amare è una possibilità attendibile ma in merito al sospirato desiderio di concedersi un amplesso sul “giaciglio lunare”, è legittimo chiedersi: “quanta criptonite occorrerà”?

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©