Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Seppellita ogni possibilità di mediazione tra le parti

Divorzio Berlusconi-Lario: udienza a dicembre


Divorzio Berlusconi-Lario: udienza a dicembre
21/10/2010, 10:10

MILANO - Ormai sembra non esserci più spazio di mediazione nel divorzio più ricco della storia (al momento) in Italia, cioè quello tra Silvio Berlusconi e l'ex moglie Veronica Lario. I legali della donna hanno ripresentato ufficialmente al Tribunale Civile di Milano la richiesta iniziale: 3,5 milioni al mese come assegno di separazione. La differenza è che questa volta non si parla della villa di Macherio, che la Lario ha abbandonato sin da luglio dopo aver rinunciato all'accordo per una separazione consensuale (le era stata offerta la villa e un assegno da 300 mila euro al mese, ma senza le spese per la manutenzione della villa stessa). Inoltre è stato anche depositato un voluminoso dossier nel quale si dimostrerebbe perchè la separazione è stata fatta giudiziale e con addebito di colpa a Berlusconi.
Dall'altra parte i legali del premier (Niccolò Ghedini, la sorella Ippolita e Cristina Rossello) hanno a loro volta presentato un contro-dossier che invece mostrerebbe prove di presunti tradimenti della Lario, in costanza di matrimonio. Lo scopo è di dimostrare che non c'è colpa del premier e quindi ottenere un sostanzioso sconto sull'assegno di mantenimento, che i legali del premier vogliono contenere a 200 mila euro al mese.
Adesso si vedrà alla prossima udienza, fissata a dicembre (ma la data viene mantenuta segreta, come tutti i documenti allegati a questo fascicolo), cosa deciderà il giudice sulle richieste delle parti

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©