Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Docente sospeso: aveva osato chiedere se gli alunni volevano fare l'ora alternativa alla religione


Docente sospeso: aveva osato chiedere se gli alunni volevano fare l'ora alternativa alla religione
31/05/2009, 18:05

Un docente del Liceo Scientifico Righi di Cesena, il professore Alberto Marani è stato sospeso dalle sue funzioni e dal suo stipendio per due mesi (si tratta della massima sanzione per un dipendente pubblico) per avere osato l'inosabile: mettere in dubbio l'indispensabilità dell'insegnamento di religione cattolica. Infatti, dato che la scuola era inadempiente da molti anni, perchè non aveva mai creato, come prescrive la legge, degli insegnamenti alternativi per l'ora di religione, il professor Marani ha fatto una sorta di referendum all'interno della scuola, se i 1300 alunni volevano fare religione cattolica, Storia delle religioni o Diritti Umani. Alla fine è risultato che l11% voleva fare religione, il 24% Storia delle Religioni e il 65% Diritti Umani.
Apriti cielo! Gli insegnanti di religione (che ricordiamolo, sono professori nominati dal Vaticano senza alcun merito, ma solo per la loro fedeltà alle gerarchie ecclesiastiche, anche se poi sono pagate con i soldi dei ciittadini italiani) si sono ribellati e hanno scritto all'Ufficio Scolastico Regionale chiedendo l'adozione di adeguate sanzioni. L'Ufficio ha adottato il provvedimento di sospensione, diffidando addirittura il professore da far sapere agli alunni che nessuno di loro o quasi vuole fare religione. La segnalazione dell'accaduto arriva dall'UAAR.
Se qualcuno aveva ancora dubbi sull'oscurantismo sociale e politico che stiamo imboccando, è servito. In un Paese normale, avremmo che domani mattina il governo presenta una proposta di legge che toglie la religione cattolica dalle scuole, in modo da rispettare la Costituzione; Ma non siamo da parecchio un Paese normale.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©