Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Domani presentazione campagna contro la tratta di esseri umani per sfruttamento lavorativo


Domani presentazione campagna contro la tratta di esseri umani per sfruttamento lavorativo
14/03/2012, 12:03

Napoli, 13 marzo 2012 - Sarà presentata giovedì 15 marzo 2012 alle ore 10.00 presso la Sala Pignatiello di Palazzo San Giacomo la campagna internazionale Apri gli occhi, contro la tratta di esseri umani a scopo di sfruttamento lavorativo. La presentazione avverrà in anteprima nazionale a Napoli e in contemporanea in altre città in Spagna, Belgio e Romania.

Alla presentazione interverranno: l’assessore al Lavoro del Comune di Napoli Marco Esposito; il referente della Cooperativa sociale Dedalus Andrea Morniroli; il direttore Generale dell’Agenzia per il Lavoro e l’Istruzione della Regione Campania Patrizia Di Monte; il segretario regionale Flai-Cgil Campania Giuseppe Carotenuto; il sociologo Enrico Pugliese dell’Università la Sapienza di Roma; la responsabile del Centro Studi Opere Riunite Buon Pastore Lucia Donaggio; la referente della Direzione Territoriale del Lavoro di Napoli Raffaella Castaldi. Coordinerà la giornalista Cristiana Barone.

Apri gli occhi è una campagna di sensibilizzazione promossa per contrastare il fenomeno della tratta di esseri umani a scopo di sfruttamento lavorativo, diffuso soprattutto nei campi dell’agricoltura, dell’edilizia, dell’assistenza alla persona, dell’industria tessile e della ristorazione.

La campagna mira a promuovere la conoscenza del fenomeno attraverso la diffusione (mediante youtube, diversi siti internet e la distribuzione di DVD ad enti pubblici e organizzazioni sociali) di sei spot che adottano il punto di vista del cittadino comune, invitandolo ad “aprire gli occhi”, perché la schiavitù a scopo lavorativo è più comune e vicina di quanto non si pensi.

Apri gli occhi è realizzata dal progetto europeo Mirror in Spagna, Romania, Belgio e in Italia dalle Opere Riunite Buon Pastore, dall’associazione On the road e dalla Cooperativa sociale Dedalus di Napoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©