Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Domenica 6 maggio manifestazione di pulizia del lago Patria a Giugliano


Domenica 6 maggio manifestazione di pulizia del lago Patria a Giugliano
07/05/2012, 09:05

Domenica 6 maggio dalle ore 10.30 è stata organizzata dalle associazioni ecologiste la pulizia del Lago Patria a Giugliano partendo dalle sponde e dalle zone circostanti allo specchio d' acqua. La manifestazione nata in modo spontaneo vede anche l' adesione ed il sostegno dei Verdi Ecologisti e del WWF che continuano a denunciare da tempo ed inascoltati lo stato di abbandono dei laghi della provincia di Napoli.
"Assieme al lago d' Averno, al Miseno, al Lucrino ed al Fusaro il Lago Patria - spiega il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli che parteciperà all' iniziativa - è un vero gioello del nostro territorio. Purtroppo è da tempo in cattive condizioni a causa del disinteresse da parte del comune di Giugliano e della Regione e spesso diventa il luogo dove i delinquenti sversano illegalmente rifiuti anche tossici e pericolosi avvelenando le acque e l' ecosistema con gravi danni anche per le popolazioni locali".
"Ancora una volta – dichiara Alessandro Gatto, Presidente del WWF Campania – siamo costretti a denunciare la presenza di nuove microdiscariche anche in zone ad altissima valenza naturalistica. In particolare, l’area presa in esame, è ricadente nel territorio del comune di Giugliano in Campania, lungo le sponde del lago Patria. Purtroppo lo scenario è stato desolante quando gli attivisti del WWF l' altro giorno si sono imbattuti, in mezzo ai canneti di nuovi siti di abbandono illegale di copertoni d’automobili, diversi serbatoi di benzina di automobili, in altre parole in una vera e propria discarica di rifiuti ingombranti e rifiuti speciali, in una stradina sterrata proprio a ridosso del lago Patria (area nord e nord est). Tutti i rifiuti, sversati nel più completo disprezzo della Natura e dell’Ambiente circostante, sono stati sversati di recente perché qualche settimana fa il nucleo delle guardie giurate volontarie del WWF aveva segnalato alle Autorità competenti con fotografie circostanziate e dettagliate e questo aveva prodotto un’azione di bonifica da parte del comune".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©