Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

La 37enne uccisa in pieno giorno con un colpo al cuore

Donna accoltellata a Milano, si indaga nella vita privata


Donna accoltellata a Milano, si indaga nella vita privata
06/05/2009, 22:05

Si chiamava Pasqualina Labarbuta la donna di 37 anni uccisa nel primo pomeriggio di oggi nella periferia nord di Milano. Il corpo è stato trovato su una panchina, con una profonda ferita da arma da taglio al petto. Un solo colpo che non ha lasciato scampo alla donna. Per gli inquirenti è escluso il movente della rapina: si tratterebbe, come confermato da un testimone, di un omicidio d’impeto, probabilmente dettato da ragioni passionali. La donna lascia 3 figli.

L’aggressione è avvenuta intorno alle 13.30 nel parco dove convergono via Mario Borsa e via Alex Visconti, nel quartiere Gallaratese. Una testimone oculare, già ascoltata dagli inquirenti, avrebbe notato una coppia che discuteva animatamente, lei bionda e lui dalla carnagione scura; un attimo dopo, avrebbe riferito sempre la testimone, la donna si sarebbe accasciata sulla panchina mentre l’uomo scappava via. L’arma del delitto è stata ritrovata accanto al cadavere; si tratta di un coltello a serramanico. Ritrovata anche la borsa della Labarbuta, contenente ancora il portafogli: circostanza che avalla la versione fornita dalla testimone, rendendo inverosimile la pista della rapina sfociata nel delitto.

Una delle ultime persone a vedere ancora in vita la donna, Mohamed Baroumi, 18 anni, impiegato in una impresa di servizi come giardiniere presso lo stabile di via Visconti dove la Labarbuta svolgeva occasionalmente sostituzioni nella portineria. Secondo il ragazzo, la vittima si sarebbe allontanata verso le 13 per andare a mangiare un panino ai giardinetti poco distanti.

Alcuni condomini hanno avrebbero inoltre dichiarato che la donna si sarebbe allontanata di fretta dopo aver ricevuto una telefonata; circostanza che farebbe pensare che conoscesse il suo assassino e che lo stesse raggiungendo, ignara di quello che di lì a poco sarebbe successo.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©