Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Un pool di professioniste in aiuto delle donne

'Donna e' presenta lo sportello antiviolenza


.

'Donna e' presenta lo sportello antiviolenza
14/12/2009, 18:12

NAPOLI – Dal 15 gennaio prossimo sarà attivo presso il Centro Servizi dell’Ugl di Napoli lo sportello antiviolenza e antistalking promosso dall’associazione culturale “Donna e”.
L’iniziativa è stata presentata alla stampa, stamani, presso la sede del Consiglio Regionale della Campania, dalle socie Gabriella Peluso, Bianca Fiore e Giulia Ruggiero, dal segretario della Ugl di Napoli, Franco Falco, e dal vice presidente del Consiglio Regionale della Campania, Salvatore Ronghi.
Lo sportello, che si trova in Via Campania n. 26, a Napoli, sarà gestito da un pool di professioniste, socie di “Donna e”, che forniranno, gratuitamente, le prestazioni professionali necessarie per far fronte alla violenza nelle sue diverse accezioni, da quella fisica, a quella morale e psicologica, dallo stalking al mobbing. Telefonando al numero 08119578752, chiunque sia vittima di una violenza o teme di poterlo essere potrà essere messo in contatto con lo sportello che attiverà tutte le iniziative di intervento e di supporto a sostegno della vittima e contro l’aggressore.
A introdurre la conferenza stampa è stata la segretaria di “Donna e”, Gabriella Peluso, che ha sottolineato “l’importanza della sinergia tra una associazione e un sindacato, che si caratterizzano per le battaglie sociali e per l’essere al servizio della gente, soprattutto delle fasce deboli, che ha dato vita ad uno strumento concreto di supporto alle donne che si pone l’obiettivo di prevenire e contrastare la violenza, fornire tutto il supporto necessario per far fronte a questo odioso fenomeno e per promuovere la cultura dell’emersione e del contrasto della violenza”.
I dettagli tecnici dell’iniziativa sono stati illustrati dall’avvocato penalista Bianca Fiore, responsabile dello sportello, che fornirà gratuitamente assistenza legale preventiva e successiva.
“La nostra esperienza professionale, con particolare riferimento ai recenti e sempre più frequenti casi di stalking, dimostra che, per intervenire su un caso di violenza, non basta la repressione, che deve essere attivata mediante denuncia alle competenti forze dell’ordine, ma occorre mettere in campo tutta una serie di interventi volti a tutelare concretamente la vittima, a cominciare dal necessario supporto psicologico, per finire all’assistenza legale e sociale” – ha spiegato Fiore.
Sui risvolti psicologici e sulle conseguenze dannose della violenza sul piano sociale si è soffermata la psicologa Giulia Ruggiero, che farà parte del pool di professioniste: “la violenza sulle donne è un danno per l’intera società perché una donna compromessa sul piano fisico e psicologico da una violenza fa venir meno le sue straordinarie risorse al servizio della società; per questo, riteniamo che, prima ancora dei mezzi repressivi, occorre mettere in campo i supporti psicologici per dare forza reattiva alla vittima della violenza”.
“L’Ugl ha sposato pienamente il progetto di ‘Donna e’ perché è un sindacato attento e attivo nelle battaglie sociali e nella difesa delle fasce deboli – ha sottolineato il segretario della Ugl Napoli Franco Falco - ; sulla base di ciò, siamo lieti di condividere lo sportello antiviolenza perché siamo convinti che, inserendosi nell’ambito dei servizi sociali già forniti dall’Ugl, possa divenire un punto di riferimento per le donne napoletane e campane e favorire l’emersione del grave fenomeno della violenza e la cultura del contrasto ad ogni forma di violenza”.
Apprezzamento per l’iniziativa è stata espressa dal Vice Presidente del Consiglio regionale della Campania, Salvatore Ronghi, che ha evidenziato “la concretezza e la fattività dell’azione sociale di ‘Donna e’ e dell’Ugl, sindacato che si caratterizza per la sua azione sociale al servizio della gente. Le Istituzioni devono profondere ogni impegno per contrastare ogni forma di violenza – ha aggiunto Ronghi – anche attraverso il supporto ad iniziative di grande rilievo e impatto sociale, come lo sportello antiviolenza di ‘Donna e’ dell’Ugl”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©