Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

L'uomo arrestato nel bergamasco dopo una telefonata

Donna uccisa a coltellate nel Bresciano, in carcere l'ex


Donna uccisa a coltellate nel Bresciano, in carcere l'ex
22/03/2009, 20:03

E’ stato fermato stamattina il presunto colpevole dell’omicidio di Patrizia Maccarini, la donna di 43 anni uccisa con cinque coltellate al cuore nella sua abitazione a Calvisano, nel Bresciano. Si tratta di Giuseppe Candido, ex fidanzato della vittima. I sospetti degli inquirenti si erano già concentrati su di lui, ma l’uomo era riuscito a far perdere le proprie tracce. A tradirlo, il suo telefono cellulare. Grazie agli accertamenti gli inquirenti avevano capito che si era diretto verso il Lago d’Iseo.

Sono state sempre le sue telefonate a incastrarlo: ieri infatti, parlando con la sorella, Candido aveva ammesso di aver ucciso la quarantatreenne ed aveva aggiunto di avere intenzione di andare a suicidarsi.

Stamane è stato bloccato nei pressi di una cabina telefonica di un paese bergamasco, pochi minuti dopo aver chiamato un conoscente per chiedere ospitalità. La telefonata è stata intercettata ed i carabinieri di Brescia hanno avvisato i colleghi di Bergamo, che pattugliando la zona hanno scovato il presunto omicida. 

Secondo gli inquirenti Candido, operaio di 40 anni all'Iveco, non avrebbe accettato la fine della relazione con la Maccarini ed avrebbe preso a perseguitarla cercando, in quel modo, di riavvicinarla. Già in passato, hanno accertato le forze dell'ordine, la donna era stata costretta a cambiare il numero di telefono per le eccessive insistenze di Candido.

Candido è stato accompagnato al carcere di Bergamo. Interrogato dal pm Domenico Chiaro al Comando provinciale dei Carabinieri di Bergamo, il 40enne si è avvalso della facoltà di non rispondere.
 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©