Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Interrogata l’amante del marito: lui resta in carcere

Donna uccisa a Trapani: inferti 8-10 colpi di martellina


Donna uccisa a Trapani: inferti 8-10 colpi di martellina
09/07/2012, 20:07

TRAPANI - Maria Anastasi, incinta al nono mese, trovata cadavere giovedì scorso nelle campagne trapanesi, sarebbe stata uccisa con una serie di colpi di martellina, un attrezzo simile a un piccolo piccone: dagli otto ai dieci colpi. È quanto emerso nel corso dell’autopsia sulla donna per il cui omicidio èindagato il marito Salvatore Savalli, operaio in una segheria di marmo, per il quale il Gip Antonio Cavasino oggi ha convalidato l’arresto e disposto la custodia in carcere, con l’accusa di omicidio premeditato con l’aggravante della crudeltà.
La donna, dunque, probabilmente era già morta quando il suo corpo è stato dato alle fiamme. La certezza si avrà dopo gli esami su una porzione di polmone che è stata asportata dal medico legale Livio Milone. Interrogata per ore l’amante di Savalli, Giovanna Purpura, 39 anni, che ha dichiarato di avere assistito al delitto. E' stata indagata alla luce dell’ennesima nuova versione dei fatti fornita questa mattina al Gip da Savalli: l’uomo ha dichiarato che Maria Anastasi sarebbe stata uccisa dall’amante e si è proclamato estraneo all’omicidio.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©