Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il successo merito delle nuove tecniche investigative

Dopo 20 anni, Winston confessa l'omicidio della contessa Alberica

"Mi sono liberato di un peso. Chiedo scusa agli italiani"

Dopo 20 anni, Winston confessa l'omicidio della contessa Alberica
01/04/2011, 17:04

ROMA - Ha resistito 24 ore, Manuel Winston Reves, prima di confessare: è stato lui ad uccidere la contessa Alberica Filo della Torre. Il 41enne domestico filippino, ha ammesso l'omicidio, anche se non ha fornito particolari su quanto successe, sostenendo che ha sempre cercato di rimuovere l'episodio. Ma le indagini hanno dimostrato che l'uomo colpì la contessa alla testa con uno zoccolo e poi la strangolò col lenzuolo; dopo di che portò via una collana ed un anello, ma lasciò un Rolex d'oro, cosa che fece capire agli inquirenti che non si era trattata di una rapina.
Dopo essersi avvalso della facoltà di non rispondere durante l'udienza di convalida che si è tenuta oggi - col giudice che ha confermato la custodia cautelare in carcere - Winston ha parlato col Pm e ha deciso di confessare i fatti: "Mi volevo togliere un peso che portavo dentro di me da 20 anni: sono stato io ad uccidere la contessa Alberica". Poi ha aggiunto: "Volevo essere riassunto, sono andato nella villa perché volevo solo lavorare. Ma oggi, ogni volta che sento parlare della contessa mi prende l'angoscia". Infine ha chiesto scusa per ciò che ha fatto: "Chiedo scusa al marito e ai figli della contessa, ma anche a tutti gli italiani".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©