Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si rivolge al Codacons per la denuncia

Dopo 32 anni di precariato chiede 3 milioni di risarcimento


Dopo 32 anni di precariato chiede 3 milioni di risarcimento
02/07/2011, 15:07

Si è presentato all’Ispettorato del lavoro e ha chiamato in causa tutti i ministri dell’Istruzione in carica dal 1979 ad oggi. A farlo è stato un docente romano 54enne che, dopo 32 anni di precariato, ha chiesto 3 milioni di euro di risarcimento danni, per non aver avuto una cattedra di ruolo e per l’impossibilità di costruirsi un futuro.

L’uomo ha denunciato al Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori) lo ‘sfruttamento del lavoro’, l’abuso di autorità su soggetto debole e l’appropriazione indebita di forza lavoro.

“Siamo di fronte ad un caso assurdo, che a nostro avviso può configurare un vero e proprio sfruttamento del lavoro” - ha commentato il presidente Codacons, Carlo Rienzi - “Per fortuna i Tribunali di tutta Italia stanno accogliendo le richieste dei precari della scuola, come nel caso della Corte d’Appello di Firenze che pochi giorni fa ha rigettato un appello del ministero dell’Istruzione che chiedeva la riforma della sentenza del Tribunale di Livorno che aveva correttamente riconosciuto in favore di un docente il diritto alla stipula di un contratto fino al 31 agosto anziché fino al 30 giugno”.

Questo dell’insegnante romano non è un gesto insolito. Lo scorso 22 gennaio oltre mille insegnanti, , tutti  precari, si sono radunati nella sede del Cgil di Milano per fare causa allo Stato per ottenere, finalmente, una cattedra.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©