Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Ceed vuole portarmeli via

Dopo l'affidamento padre denuncia su fb:"Tramano rapimento"

La ex moglie è sotto processo per sottrazione di minori

Dopo l'affidamento padre denuncia su fb:'Tramano rapimento'
10/01/2012, 18:01

MILANO - «Su Facebook si leggono tante conversazioni che dimostrano che il Ceed vuole rapire i miei bambini». Lo ha denunciato, in Tribunale a Milano, Tobias Ritter, il padre tedesco dei due bambini che per due volte sono stati portati via dalla Germania dalla ex moglie, Marinella Colombo. La donna milanese è sotto processo per sottrazione di minori, maltrattamenti e sequestro di persona, nell'ambito di un procedimento che vede indagati, in un altro filone, anche alcuni rappresentanti dell'associazione internazionale Ceed, che si occupa - si legge nel suo sito - di «genitori, nonni e figli vittime di sottrazioni internazionali di bambini». L'uomo, assistito come parte civile dall'avvocato Giovanni Bellingardi, ha testimoniato nel processo all'ex moglie, agli arresti domiciliari, che da anni sta conducendo una personale battaglia per stare con i figli che sono stati però affidati dal Tribunale di Monaco e dalla giustizia italiana all'ex marito. Quattro responsabili di Ceed (Conseil Europeen des Enfants du Divorce) sono accusati di sottrazione internazionale di minori, perchè avrebbero aiutato la donna in un tentativo di fuga con i bambini verso il Libano. La Ceed, associazione che ha sedi in diverse città, da Londra a Washington, ha sempre seguito da vicino, organizzando anche conferenze stampa, la vicenda della Colombo. I figli, invece, erano stati ritrovati dagli investigatori in Slovenia e vivono ora con il padre. «Anche ieri sera - ha raccontato l'uomo - Marinella ha detto al telefono ai bambini vi porterò a casa». Il padre teme anche che i responsabili di Ceed si stiano muovendo per portarglieli via. «Su Facebook abbiamo raccolto tante conversazioni nelle quali il Ceed dice che vuole liberare i miei figli». I bimbi, ha concluso il padre, «ora stanno a meraviglia e vivono finalmente una vita normale» anche se uno dei due «soffre ancora di insonnia».

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©