Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Denunciate 3 persone in stato di libertà per diversi reati

Doppia operazione dei carabinieri durante i controlli


.

Doppia operazione dei carabinieri durante i controlli
04/07/2011, 13:07

ERCOLANO - Fine settimana intenso per i carabinieri della tenenza di Ercolano che in due diverse operazioni hanno denunciato in stato di libertà 3 persone di cui una per porto abusivo di arma bianca e resistenza, un’altra per minaccia, oltraggio ed ingiuria per entrambe avvenute nei confronti di pubblico ufficiale, ed una donna per omessa custodia di oggetti sottoposti a sequestro. Si tratta di un 17enne del luogo che era stato notato dai militari in via 4 settembre con atteggiamenti sospetti. Alla vista dei carabinieri che si avvicinavano per un controllo il minorenne ha cercato di scappare, ne è seguito un breve inseguimento alla fine del quale è stato perquisito e trovato in possesso di un coltello con lama lunga 8 cm e di 1,93 grammi di hashish per uso personale. Il coltello è stato sequestrato ed il 17enne segnalato alla prefettura quale consumatore di stupefacenti e poi affidato ai genitori. Le altre due persone che sono state denunciate sono un 28enne già noto alle forze dell’ordine e sua moglie una 25enne incensurata. Anche in questo caso la reazione è avvenuta durante un controllo, l’uomo infatti era stato notato in sella ad un motociclo, senza indossare il casco protettivo, in via Pugliano. I militari dell’arma dunque gli hanno intimato l’alt, alla loro vista  l’uomo però ha tentato la fuga, ma anche in questo caso è durata poco perché è stato bloccato dopo un breve inseguimento. Durante i controlli dei carabinieri il 28enne li ha più volte ingiuriati e minacciati. Dopo alcuni controlli, inoltre, i militari hanno accertato che la moto era già stata sequestrata per mancato uso del casco protettivo e affidata in custodia giudiziaria alla moglie, per questo motivo denunciata. Il motociclo alla fine è stato nuovamente sequestrato, sperando che in questo caso non ci sia due senza tre.

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©