Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dossier su irregolarità nella Chinatown milanese, Ragone commenta


Dossier su irregolarità nella Chinatown milanese, Ragone commenta
20/10/2009, 09:10


"Il controllo da parte dei vigili urbani su via Paolo Sarpi e dintorni è necessario. La zona è ormai completamente in mano ai grossisti cinesi che continuano indisturbati nella loro attività di carico e scarico merci". Con questa parole il viceresponsabile per la città di Milano dell'Italia dei Diritti, Luca Ragone, commenta i risultati del dossier che il comitato Vivisarpi presenterà prossimamente. Le infrazioni commesse in quattro giorni nell'attività di carico e scarico dei commercianti, nella fascia oraria 17:00 - 19:00, sono 390. Nel 2003 le irregolarità rilevate furono 295. A questo si aggiunge l'aumento della circolazione di biciclette con portapacchi montato sul parafango, che sfrecciano sui marciapiedi del quartiere.
"È normale che i negozianti proseguano nelle operazioni di carico e scarico merci - conclude l'esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro - senza un'area alternativa e il poco controllo da parte delle autorità il traffico di carrellini continuerà ad esserci. Il comune di Milano si è posto il problema solo quando il caos è venuto alla ribalta, ed ha finora proposto alternative inconsistenti. Si è intervenuti troppo tardi"

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©