Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Poi tenta di strangolare il figlio

Dramma a Torre del Greco: donna uccide convivente

Aveva paura di contagiare alla famiglia il tumore

.

Dramma a Torre del Greco: donna uccide convivente
24/06/2013, 10:13

 

TORRE DEL GRECO - Ennesimo dramma familiare di un’Italia, ormai assuefatta e abituata a notizie di cronaca dove il confine tra tragedia e follia diventa quasi impercettibile. Questa volta il fatto si è consumato a Torre del Greco. Dopo una lite familiare, l’ennesima,  Maria Carmela Panariello si è avventata sul suo compagno, Tommaso Egger, 57 anni, colpendolo alla testa con un ferro da stiro, quando erano soli in casa e i loro figli  erano al mare. L’uomo accasciatosi sanguinante  è stato poi colpito da  Carmela con un coltello da cucina  con cinque fendenti al cuore. Quasi come se la donna volesse accertarsi di aver ucciso il compagno. Una volta rientrati i figli della coppia,  due gemelli di  12 anni,   hanno chiesto alla donna dove fosse il padre e lei con fredda lucidità ha risposto che era stanco e riposava. I ragazzi, non credendo  alla  madre, hanno aperto la porta della camera dei genitori  e hanno scoperto la tragedia. In un attimo la donna   ha tentato di strangolare il figlio maschio. Solo l'intervento della sorella, ha permesso  al ragazzino di salvarsi dalla furia materna. I gemelli hanno chiesto aiuto e sono scappati mentre Carmela cercava  di tagliare l tubo della bombola del gas ,  e appiccare il fuoco nell’abitazione. Fortunatamente i fratelli hanno allertato il 113 e un poliziotto poi è  intervenuto per  bloccare la donna che nel frattempo voleva gettarsi nel vuoto. Dramma  familiare, dicevamo, dove alla base del folle gesto sembra ci sia l’ossessione e una  fobia della donna innescata da un tumore al seno. Carmela pare avesse la paura di poter contagiare il male ai membri della sua famiglia. Sembra assurdo che la solitudine di questa gente e di questa donna non abbia allertato nessuno. Forse se ci fosse stato  qualcuno capace ascoltare e intercettare il dolore sordo di questa gente le cose sarebbero andate diversamente. Ma la cronaca e la vita non sono fatti di se.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©