Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dal 19% della Iervolino al 16%. L'Asìa: mancano fondi

Dramma rifiuti, cala la differenziata a Napoli: -3 per cento

E Brambilla apre un ufficio ministeriale in città

.

Dramma rifiuti, cala la differenziata a Napoli: -3 per cento
23/07/2011, 12:07

NAPOLI – Mentre le indagini della Direzione Distrettuale proseguono per accertare i legami tra criminalità organizzata napoletana e siciliana e le ditte che hanno vinto le gare di appalto di Enerambiente, un altro dato drammatico si fa strada in questa fase di emergenza rifiuti. Napoli è ancora distante da essere la capitale del riciclaggio ed, anzi, i punti percentuali sono sensibilmente diminuiti  rispetto a quelli presentati lo scorso mese di gennaio: si passa infatti dal 19 per cento registrato dalla Giunta Iervolino agli attuali sedici punti dell’era de Magistris. Ancora una chimera dunque quel 70 per cento di raccolta auspicato in campagna elettorale dall’ex pm, e le responsabilità – secondo il presidente dell’Asìa Raphael Rossi – andrebbero ricercate nella mancanza di fondi e soprattutto nelle priorità. Liberare le strade dalla spazzatura è infatti l’imperativo della nuova amministrazione comunale. La differenziata è soltanto uno step successivo. Intanto, arriva l’ok all’insediamento del ministero del Turismo a Napoli per sconfiggere l’emergenza rifiuti. È il titolare del dicastero Michela Vittoria Brambilla a dare il placet all' apertura di due nuovi uffici. Uno verrà aperto a Monza, l’altro invece a Napoli. La città di Partenope, spiega il ministro, è stata scelta perché  “bisogna essere più vicini agli operatori e ai cittadini”. Il capoluogo campano dunque al centro della politica per il rilancio del turismo, “perché il caos rifiuti sta penalizzando il settore e quindi serve la presenza del ministero” aggiunge il ministro.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©