Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Ieri la sentenza. Tre anni e sei mesi per Raffaele Gallo.

Droga, condannato il figlio del boss dei Cavalieri


.

Droga, condannato il figlio del boss dei Cavalieri
11/11/2009, 12:11

TORRE ANNUNZIATA -  Emesso ieri dal Tribunale di Napoli il verdetto per Raffaele Gallo, figlio del boss Ciccio o’ Cavaliere, sorpreso a spacciare droga in un’autorimessa di Torre Annunziata. Per lui una pensa di tre anni e mezzo di reclusione: questa la sentenza pronunciata dal giudice per l’udienza preliminare, Oriente Capozzi, al termine del processo celebrato con rito direttissimo. Assolto invece l’altro imputato, Carmine Visciano, operaio della Fiat.
I fatti risalgono al mese di marzo quando i due furono sorpresi dai carabinieri in un’area di parcheggio di via Roma. Dopo la perquisizione, nella loro auto, furono rinvenuti, oltre 250 grammi di droga, probabilmente destinati a rifornire il mercato oplontino.  Secondo la Direzione distrettuale antimafia, Gallo e Visciano, gestivano la piazza della droga per conto del clan Gallo- Cavaliere. Non semplici spacciatori dunque ma due pesci grossi.
Durante il processo, il sostituto procuratore ha richiesto, per questo, pene severe: 7 anni e mezzo per Gallo e 4 per Visciano ipotizzando anche l’aggravante del contesto mafioso successivamente decaduto. Raffaele Gallo è stato così condannato ieri a tre anni e 6 mesi di reclusione, pena che sta scontando agli arresti domiciliari. Assoluzione piena per Carmine Visciano a cui è stato contestato soltanto il reato di possesso di un minimo quantitativo di droga rinvenuta nelle sue tasche, detenuta dunque per uso personale.
Durante le indagini sono state anche acquisite le immagini delle telecamere a circuito chiuso presenti all’interno del parcheggio di via Roma, posizionate strategicamente per riprendere esclusivamente l’entrata e l’uscita delle vetture dall’autorimessa e prevenire così eventuali blitz delle forze dell’ordine. Nonostante questo i militari del Nucleo investigativo del Comando gruppo di Torre Annunziata, dopo aver notato uno strano via vai di personaggi sospetti, perquisirono l’area rinvenendo la droga all’interno di una Fiat Punto risultata, dopo successivi accertamenti, di proprietà di un 63enne residente a Torre del Greco. Gallo però era in possesso delle chiavi della vettura e per questo fu imputato per spaccio.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©