Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In esigua ripresa anche l’uso di sostanze stimolanti

Droghe: cala il consumo, ma aumenta cannabis tra studenti


Droghe: cala il consumo, ma aumenta cannabis tra studenti
06/08/2012, 21:17

ROMA - Eroina, cocaina, allucinogeni: cala in Italia il consumo di droga, ma è allarme uso di cannabis tra gli studenti. È quanto si evince dalla relazione annuale al Parlamento 2012 sull’uso di sostanze stupefacenti e sulle tossicodipendenze in Italia (dati 2011 e primo semestre 2012), realizzata dal Dipartimento Politiche Antidroga, la cui delega è affidata al ministro per la Cooperazione Internazionale e l’Integrazione Andrea Riccardi. È tra i giovani che si assiste anche a una ripresa dei consumi di stimolanti, come ecstasy e amfetamine.

In particolare lo studio evidenzia le seguenti percentuali di consumatori (consumo dichiarato negli ultimi 30 giorni): eroina 0,23 per cento (0,29 nel 2011); cocaina 1,06 per cento (1,17 nel 2011); cannabis 12,94 per cento (12,65 nel 2011), allucinogeni 0,86 per cento (1,02 nel 2011). Leggero incremento, ma minore rispetto all’aumento di cannabis, per stimolanti-anfetamine-ectasy: 0,57 per cento (0,50 nel 2011).

“È vero che il dato sui consumi di sostanze stupefacenti indica che la tendenza alla contrazione, in atto ormai da alcuni anni, può ritenersi sostanzialmente confermata. È altrettanto vero, però, che questa tendenza, oltre a presentare, in generale, un’intensità minore rispetto a quella riscontrata nel 2010, si manifesta in modo differente in relazione al tipo di sostanza e alle diverse aree del territorio nazionale”. Lo dichiara nell’introduzione alla Relazione il ministro per la Cooperazione internazionale e l’Integrazione. “Ritengo doveroso precisare che non intendo sottrarmi al dibattito sulla legalizzazione delle droghe leggere – ha aggiunto il ministro -  che si è riavviato proprio in questi giorni sulla stampa”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©