Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Per ragioni economiche o crisi diplomatica?

Dublino chiude la sua ambasciata presso la Santa Sede

Sullo sfondo lo scandalo abusi sessuali “ecclesiastici”

Dublino chiude la sua ambasciata presso la Santa Sede
04/11/2011, 09:11

ROMA – Il governo irlandese ha deciso di chiudere la sua ambasciata presso la Santa Sede, ma tale decisione sarebbe stata dettata solo da motivi legati alla crisi. A gettare acqua sul fuoco delle polemiche è stato il ministro degli Esteri di Dublino, che ha messo a tacere le voci che identificavano come motivazione a tale decisione i rapporti poco idilliaci che allo stato attuale intercorrono tra Santa Sede e Irlanda.
Il ragionamento sarebbe questo: in tempi di crisi ogni Nazione fa in modo di ridurre gli sprechi e fa sì che il debito non dilaghi. Proprio in virtù di ciò l’Irlanda sarebbe giunta alla conclusione di chiudere, per ragioni economiche, due ambasciate, quella presso la Santa Sede e quella in Iran. Resta però aperto il grande punto interrogativo, e non si può non prenderlo in considerazione, dei rapporti diplomatici. Quelli che intercorrono tra la Santa Sede e l’Irlanda, infatti, non stanno attraversando un momento particolarmente felice, a causa dello scandalo degli abusi sessuali commessi da ecclesiastici irlandesi.
Benché sia stata pronta la replica del portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, per il quale “la Santa Sede prende atto della decisione dell’Irlanda, perché ogni Stato che ha relazioni diplomatiche con il Vaticano è libero di decidere”, sta di fatto che la delicatezza dei rapporti tra Dublino e Vaticano merita comunque particolare attenzione. Proprio a causa delle polemiche sullo scandalo degli abusi sessuali del clero, infatti, il 25 luglio scorso la Santa Sede ha deciso di richiamare a Roma il nunzio apostolico a Dublino “per consultazioni”. Sembrerebbe strano, ma si tratta di un fatto più unico che raro, senza precedenti a memoria d’uomo, a maggior ragione dal momento che si tratta di un Paese dalla forte tradizione cattolica come l’Irlanda.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©