Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Due babyrapinatori arrestati dalla polizia a San Giorgio a Cremano


Due babyrapinatori arrestati dalla polizia a San Giorgio a Cremano
09/03/2012, 12:03

La loro giovane età, 15 e 17 anni, non gli ha impedito di minacciare uno studente più grande di loro, con il solo scopo di rapinargli i suoi averi.

L’episodio, verificatosi nel pomeriggio di ieri, ha avuto come vittima un 19enne, al quale i due baby-rapinatori, hanno portato via un lettore Mp3.

La vittima, in Via Manzoni, alla vista di due agenti del Commissariato di P.S. di “S. Giorgio a Cremano”, in servizio quali “Poliziotti di quartiere” ha subito denunciato l’accaduto riferendo che, all’uscita di scuola, mentre camminava in Via S. Anna, era stato aggredito da due giovani.

Proprio in quel frangente, è transitato un autobus dell’A.N.M., a bordo del quale la vittima ha notato i due rapinatori.

I poliziotti, infatti, hanno subito provveduto a chiedere all’autista dell’autobus di fermarsi, al fine di salire a bordo per bloccare il 15enne ed il 17enne

Inutile il tentativo dei due giovani di confondersi tra i passeggeri dell’autobus per sottrarsi al controllo.

Indosso al 17enne, S.T. con pregiudizi di Polizia, è stato rinvenuto il lettore Mp3 e due telefoni cellulari.

Condotto i due minorenni in Commissariato, S.T. è stato anche riconosciuto da un’altra vittima, un 14enne, che stava sporgendo denuncia della rapina subita nel pomeriggio, in Via Cupa S. Michele, ad opera di due giovani che, sotto la minaccia di un coltello, si erano impossessati del suo telefono cellulare, dopo averlo spinto contro un muro, tappandogli la bocca con una mano.

Effettivamente, uno dei due telefoni cellulari, rinvenuto nelle tasche del giubbotto di S.T., era quello appartenente al 14enne.

Gli agenti hanno arrestato M.C. e S.T., perché responsabili, in concorso tra loro, del reato di rapina aggravata denunciando, inoltre, S.T., in stato di libertà, per la rapina del cellulare, in concorso con altra persona da identificare. I due baby-rapinatori sono stati condotti al Centro di Prima Accoglienza dei Colli Aminei.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©