Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E IL LODO CARNEVALE DIVENTO' LEGGE


E IL LODO CARNEVALE DIVENTO' LEGGE
07/11/2008, 08:11

Beh, se non altro bisogna convenire una certa coerenza alla maggioranza di destra: ogni legge contiene sempre un favore a qualcuno che vada contro l'equità e la giustizia sociale. Il lodo Alfano è stato fatto su misura per il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, per impedire che venga processato; il lodo Consolo viene fatto per tutelare i Ministri dallo stesso rischio; adesso è stato fatto il lodo Carnevale per permettere all'omonimo giudice di arrivare al ruolo di presidente di Cassazione. Un brutto ruolo per una persona che, anche se non è stata condannata in alcun processo, ha oggettivamente liberato decine di boss mafiosi appellandosi a cavilli quasi inesistenti ed assolutamente formali.

Ma nulla da fare il provvedimento è stato portato in aula, come emendamento di un disegno di legge sull'assegnazione di piccoli rimborsi a quei giudici che si trovano ad operare in zone disagiate, ed è stato approvato dalla maggioranza con 253 sì. E i deputati del PdL hanno difeso la giustezza della legge, come ha fatto Pecorella, che ha ricorato come anche il Presidente della Repubblica ha 80 anni come Carnevale. Ma ha ricordato Vietti, dell'UdC, che il Presidente della Repubblica non è chiamato a svolgere funzioni così delicate come un magistrato, visto che i suoi sono solo poteri formali e di rappresentanza. Nè sono serviti i richiami dell'opposizione a coloro che, nella maggioranza, dichiarano di voler tutelare la sicurezza, ricordando il curriculum del giudice Corrado Carnevale, detto l'"ammazzasentenze", colui che più di un pentito ha indicato come aiuto sicuro per i processi ai boss (anche se le dichiarazioni non sono state ritenute dai giudici sufficientemente provate) e che Giovanni Falcone - per far passare in Cassazione le condanne del Maxiprocesso - estromise dalla valutazione, attraverso un sistema di assegnazione del processo a sorteggio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©