Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tabucchi era da tempo malato di cancro

E' morto lo scrittore Antonio Tabucchi, autore di Sostiene Pereira

I funerali si terranno giovedì prossimo a Lisbona

E' morto lo scrittore Antonio Tabucchi, autore di Sostiene Pereira
26/03/2012, 08:03

LISBONA - Il celebre scrittore italiano Antonio Tabucchi si è spento ieri mattina all'età di 68 anni dopo una lunga malattia, un cancro, che l'ha portato a trascorrere gli ultimi giorni della sua vita proprio a Lisbona, città che lui ha amato tanto da renderla protagonista di diversi suoi romanzi, di cui il famoso "Sostiene Pereira". La notizia, diffusa dall'agenzia portoghese Lusa, è stata confermata anche dalla casa editrice Feltrinelli, che ricorda Tabucchi come "un grande scrittore, un intellettuale europeo". La moglie dello scrittore, Maria Josè Lancastre, ha riferito che Tabucchi era ricoverato da tempo all'Hospital da Cruz Vermelha di Lisbona e che i funerali avranno luogo giovedì prossimo nella capitale portoghese.

Antonio Tabucchi nacque a Pisa nel 1943 ed era un grande esperto di letteratura portoghese e conoscitore delle opere di Fernando Pessoa. Il suo esordio da scrittore risale al 1975 con il romanzo "Piazza d'Italia", al quale seguirono diverse raccolte di racconti ("Il gioco del rovescio" del 1981 e "Piccoli equivoci senza importanza" del 1985). Il vero successo, però, giunse in seguito, con i romanzi "Requiem" del 1992 e, soprattutto, con "Sostiene Pereira", del 1994, vero capolavoro letterario dell'autore, con cui vinse il premio Campiello. "Sostiene Pereira", ambientato nella Lisbona della dittatura di Salazar, è un romanzo in cui l'autore ha manifestato fortemente il proprio impegno civile, confermato anche in opere successive, come "La testa perduta di Damasceno Monteiro" del 1996 e il romanzo epistolare "Si sta facendo sempre più tardi" del 2001. Tra le ultime pubblicazioni di Tabucchi si ricordano "L'oca al passo" del 2006, "Il tempo invecchia in fretta" del 2009 e "Racconti con figure" del 2011.

I libri di Tabucchi sono stati tradotti in oltre quaranta lingue e alcuni dei suoi romanzi sono stati portati sullo schermo da registi italiani e stranieri. Tabucchi è stato professore presso l'Università di Siena ma ha insegnato anche all'estero, in prestigiose università, e ha collaborato con importanti testate giornalistiche sia italiane che straniere, come "Corriere della sera", "Il manifesto", "Le Monde", "El Pais", "Allegemein Zeitung" ed altri.

Il mondo della cultura piange un uomo che attraverso il potere delle parole cercava di creare un baluardo per difendere le idee, i valori della libertà e della democrazia, nonchè della libertà d'informazione.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©