Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il mondo dell’auto perde il suo più importante designer

E’ morto Sergio Pininfarina


E’ morto Sergio Pininfarina
03/07/2012, 10:07

TORINO – Il mondo dell’auto perde uno dei suoi più importanti designer: è morto Sergio Pininfarina. L’imprenditore, capo della storica azienda di carrozzerie, è deceduto nella sua casa di Torino all’età di 85 anni.
Malato da tempo Pininfarina non era mai riuscito a superare il dolore della tragica morte del figlio Andrea, scomparso il 7 agosto 2008 in un tragico incidente non lontano dalla sede dell'azienda, a Cambiano, in provincia di Torino.
L’imprenditore ha portato al successo l'azienda ereditata dal padre, Pinin, per l'eleganza delle carrozzerie realizzate e, soprattutto, per il disegno sempre all'avanguardia. Negli anni ha garantito una fama ininterrotta della marca Pininfarina, riconosciuta tutt'oggi in tutto il mondo.
A partire dagli anni ottanta, Pininfarina riconosce l'importanza dell'aerodinamica dei modelli e concentra tutti i suoi sforzi nel migliorarli non solo da un punto di vista estetico, raggiungendo così il risultato di diventare anche punto di riferimento per le carrozzerie di macchine sportive e veloci, eseguendo dei modelli persino per la Ferrari.
Nel 2005, proprio come riconoscimento delle sue capacità imprenditoriali, è stato nominato senatore a vita dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Sergio Pininfarina è stato anche presidente della Confindustria dal 1988 al 1992.
Alla morte del padre, acquisisce la presidenza dell'omonima azienda di carrozzeria di Torino. Ingegnere meccanico dal 1950, cominciò a lavorare nell'industria del padre, la Carrozzeria Pinin Farina, e nel 1960 divenne direttore generale dell'azienda. Nel 1961 acquisì la carica di amministratore delegato e nel 1966, alla morte del padre, quella di presidente. Infine, nel 2006 divenne presidente d'onore. E’ stato, inoltre, anche docente universitario: dal 1974 al '77 ha insegnato “Progettazione di carrozzeria” al Politecnico di Torino.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©