Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Hanno aderito 150 Paesi del mondo

Earth Hour, al buio per un'ora contro il riscaldamento globale

La manifestazione è nata a Sydney nel 2007

Earth Hour, al buio per un'ora contro il riscaldamento globale
24/03/2013, 10:05

Una notte buia per la terra. Così si è protestato contro il riscaldamento climatico ieri sera, quando per un'ora, a partire dalle 20,30 locali, migliaia di località di 150 paesi del mondo hanno spento le luci di monumenti e bellezze artistiche naturali. Tra le tante, sono state oscurate la baia di Sydney, la Porta di Bradenburgo, la torre più alta al mondo Burj Khalifa a Dubai, lo stadio olimpico di Pechino, la cittadella di Erbil in Kurdistan, il Cremlino a Mosca, le cascate del Niagara, la Sirenetta di Copenaghen, la copia del David di Michelangelo a Firenze e molte altre bellezze ancora.

Si tratta di una manifestazione "iniziata a Sydney nel 2007 con due milioni di persone e divenuta una tradizione in tutto il paese e nel mondo intero", ha spiegato Dermont O'Gorman, il direttore del WWF-Australia. Al momento la manifestazione, l'Earth Hour, diffusasi a livello mondiale, coinvolge centinaia di milioni di persone. "Lo scorso anno - ha spiegato Andy Ridley, il cofondatore e direttore dell'iniziatica - 7000 località in 152 paesi del mondo hanno partecipato, ciò vale a dire un aumento del 30% rispetto all'anno precedente".

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©