Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Eboli, sequestrati 940 capi d’abbigliamento contraffatti


Eboli, sequestrati 940 capi d’abbigliamento contraffatti
29/03/2011, 12:03

Le Fiamme Gialle di Salerno continuano a profondere il loro impegno per contrastare la diffusione del dilagante fenomeno della contraffazione, al fine di evitare che la merce immessa sul mercato provochi concorrenza sleale, svantaggi economici per le aziende titolari delle griffe e, soprattutto, danni ai consumatori, indotti all’acquisto di prodotti falsi e non sicuri.
In tale contesto, i baschi verdi del Gruppo di Salerno, nell’ambito dei servizi di controllo economico del territorio disposti dal Comando Provinciale Salerno ed a seguito di mirata attività info-investigativa, hanno individuato e controllato in Eboli, località “Cioffi”, un furgone al cui interno sono stati rinvenuti svariati capi di abbigliamento caratterizzati da marchi contraffatti.
L’operazione di servizio consentiva di rinvenire ben 940 capi di abbigliamento pronti per esser commercializzati, recanti marchi contraffatti delle più note griffe, quali: “MONCLER”, “DOLCE & GABBANA”, “MILANO-ITALIA”, “LIU JO”, LA MARTINA, ecc..
Gli accertamenti visivi preliminari eseguiti sulla merce illecitamente riprodotta ne hanno evidenziato l’ottima fattura, considerato anche che il confezionamento di ogni singolo esemplare appare identico a quello che, solitamente, contraddistingue i prodotti originali .
Sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria R.G. di anni 37 e i legali rappresentanti della società cessionaria e destinataria dei beni sequestrati per introduzione nello Stato a scopo commerciale di beni non originali, di illecita provenienza in quanto caratterizzati da marchi contraffatti e/o non originali.
L’operazione si inquadra in un più ampio contesto dell’intensificazione delle attività tese a debellare il fenomeno della contraffazione, settore strategico per l’economia a livello nazionale, confermando, ancora una volta, l’impegno profuso quotidianamente dalle Fiamme Gialle a tutela dei cittadini.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©