Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Eboli, sequestrato autolavaggio abusivo


Eboli, sequestrato autolavaggio abusivo
30/10/2009, 12:10


EBOLI - Un autolavaggio privo di autorizzazioni è stato sequestrato dalla Guardia di Finanza alla periferia di Eboli unitamente a due manufatti abusivi.
L’attività di servizio rientra negli interventi periodici di tutela ambientale e controllo economico del territorio disposti dal Comando Provinciale di Salerno. In particolare, le Fiamme Gialle della Compagnia di Eboli, unitamente alle Guardie ambientali del WWF di Salerno, hanno individuato un’area di circa 5.000 mq. dove era in corso il lavaggio di tre autovetture ed un camion.
Gli accertamenti eseguiti sul posto consentivano di verificare che il titolare dell’impianto esercitava l’attività di autolavaggio privo di qualsiasi autorizzazione amministrativa. Dalla successiva verifica sulle modalità di smaltimento delle acque reflue residuanti dal lavaggio degli autoveicoli, emergeva che le stesse confluivano in un canale consortile adiacente, le cui acque venivano utilizzate per l’irrigazione dei campi. Nel corso dell’intervento sono stati sottoposti a sequestro anche due manufatti realizzati senza alcuna licenza edilizia, utilizzati quali uffici per la gestione dell’area di autolavaggio. Inoltre, nelle immediate adiacenze dell’autolavaggio, su un’area incolta, venivano rinvenuti rifiuti speciali non pericolosi quali materiali plastici, rifiuti bruciati, pneumatici dimessi, beni durevoli, alcune carcasse di autovetture prive di targhe e componentistica d’auto varia.
L’attività di P.G. consentiva di sottoporre a sequestro i due manufatti abusivi, l’impianto di autolavaggio completo di tutto il sistema di scarico, nonché di tutta l’area incolta sulla quale insistevano i rifiuti speciali non pericolosi. Il titolare dell’impianto è stato deferito alla competente Autorità giudiziaria per i reati ambientali, tra cui, danneggiamento e deturpamento ambientale, oltre alle connesse violazioni in materia urbanistica e paesaggistica.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©