Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ecofirenze per la Fondazione Meyer: raggiunto il traguardo dei 100mila euro


Ecofirenze per la Fondazione Meyer: raggiunto il traguardo dei 100mila euro
16/11/2010, 10:11


FIRENZE - La campagna promossa da Ecofirenze, l’impresa fiorentina all’avanguardia nel settore della rottamazione delle auto, ha portato a devolvere in favore dell’ospedale pediatrico Meyer la complessiva somma di centomila euro. L’importo appare essere ancor più considerevole in questo momento di grave recessione economica e operativa che, come noto, sta affliggendo il comparto. Lunedì 15 novembre 2010 Franco Corti, presidente del Cda di Ecofirenze, ha consegnato a Tommaso Langiano, presidente della Fondazione Meyer, l’assegno simbolo della donazione, alla presenza di autorità istituzionali e imprenditori del comprensorio fiorentino. Con l’occasione è stato possibile visitare in anteprima il nuovo impianto per il trattamento di veicoli fine vita e dei rottami ferrosi. Ecofirenze ha progettato e realizzato la struttura adottando le più innovative tecnologie per la messa in sicurezza, il trattamento e recupero di materiali, rispondendo così all’obiettivo prioritario di procedere nell’assoluto ridimensionamento dell’impatto ambientale derivato dai veicoli fine vita e dalla dispersione sul territorio di materiali ferrosi. Gli intervenuti alla manifestazione hanno potuto prendere atto, dalla visita dell’impianto e dalle esaurienti delucidazioni rese dai responsabili dell’impresa, degli indubbi benefici per il comprensorio fiorentino, sul piano ambientale, che deriveranno dall’operatività della struttura. Il presidente di Ecofirenze, Franco Corti, ha precisato che nei prossimi giorni si procederà nell’avviamento dell’attività operativa, assolvendo così all’attività di pubblico servizio a cui è preposto l’impianto, ringraziando i partecipanti all’evento e gli Enti che hanno saputo sostenere un’iniziativa imprenditoriale privata che soddisferà al meglio le primarie esigenze di tutela ambientale della collettività.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©