Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Probabilmente una futile lite all'origine dell'assassinio

Edicolante ucciso: proseguono le ricerche del killer


Edicolante ucciso: proseguono le ricerche del killer
20/08/2010, 12:08

NAPOLI - Non si fermano le ricerche, a Casoria, per individuare l'uomo che ieri mattina ha ucciso l'edicolante Antonio Coppola. Freddato alle spalle, il killer ha sparato tre colpi.
Era l'alba di giovedì 19 e Coppola, 40enne e padre di 3 gemelli di 14 anni, era intento a sistemare i giornali all'esterno, mentre la moglie si trovava all'interno dell'edicola.
All'improvviso tre spari lo hanno fatto cadere al suolo in un lago di sangue. La moglie della vittima non vede l'assassino in faccia, ma terrorizzata lo vede allontanarsi a piedi con la pistola in mano. Fornisce così l'identikit dell'uomo: basso di statura, magro e minuto. Potrebbe essere la stessa persona con cui Coppola, il giorno prima, aveva avuto un banale diverbio in quanto aveva redarguito l'uomo per aver rubato alcuni grappoli di uva dalla vigna di un suo amico. Difatti la donna ha confermato che questa persona indossasse gli stessi vestiti del ladro d'uva.
Il giorno prima c'era stato un scambio di insulti, forse di minacce tra i due uomini; il ladro d'uva era andato via, imprecando.
I carabinieri, intanto, continuano ad indagare sull'omicidio; la pista principale porta a una vendetta spropositata per un rimprovero subito, ma il capitano Lubello scava anche nel passato del giornalaio per un'indagine a 360 gradi.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©