Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le elezioni, come da programma, inizieranno il 28

Egitto: l’ex premier Ganzuri formerà il nuovo governo

I rivoluzionari non ci stanno: “Ancien regime”

Egitto: l’ex premier Ganzuri formerà il nuovo governo
25/11/2011, 10:11

IL CAIRO – Cinque giorni di proteste e un bilancio di circa 40 morti ed oltre 800 feriti: in una piazza Tahrir, sempre più agguerrita, continuano gli scontri e sembra temersi il peggio per un nuovo venerdì di preghiera e di protesta. Le elezioni legislative in Egitto cominceranno come previsto lunedì prossimo: lo ha confermato il Consiglio supremo delle forze armate egiziane, affermando che “svolgere le elezioni ora è il modo migliore per aiutare il Paese in questi tempi difficili”. Nessuna concessione, però, a chi chiedeva la fine del regime dei militari da subito. Intanto, i media nazionali hanno annunciato che l’ex premier Kamal Ganzuri ha accettato l’incarico di formare il nuovo governo egiziano.
Settant’anni, più volte ministro e premier dal 1996 al 1999, considerato uomo del passato regime, ma fuori dai giochi da molti anni e senza scheletri nell’armadio, Ganzuri ha accettato l’incarico dopo un colloquio con il capo del Consiglio militare, Mohammed Hussein Tantawi. La decisione non piace però ai manifestanti di piazza Tahrir, che attraverso le parole di Tarek el Khuli, della coalizione dei giovani della rivoluzione, ha parlato di “ancien regime” e ha assicurato che la guida di Kamal Ganzuri non placherà le proteste di piazza. I “giovani della rivoluzione” protestano perché si tratta di un “ritorno al passato”. “Perché il consiglio militare cerca gente dell’ancien regime?”, ha commentato Tarek el Khuli. “Abbiamo proposto vari nomi al consiglio militare e quello di Ganzuri non è mai stato menzionato nella piazza”, ha affermato l’attivista, secondo il quale la nomina porterà i manifestanti a rimanere ancora a piazza Tahrir. Intanto, anche oggi continuano le proteste in tutto il Paese per far si che l’attuale governo formato dagli ex generali di Mubarak si dimetta definitivamente.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©