Cronaca / Droga

Commenta Stampa

L’uomo è uno degli uomini fidati del capoclan Giuseppe

Elemento di spicco dei Polverino catturato in Spagna


Elemento di spicco dei Polverino catturato in Spagna
03/09/2010, 17:09

NAPOLI – I carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli hanno stretto le manette ai polsi di Fabio Allegro, 46 anni, ritenuto elemento di spicco del clan Polverino di Marano. Latitante, come molti camorristi era scappato in Spagna, nazione che per la sua posizione rappresenta uno dei nodi strategici per le rotte del narcotraffico.

L’arresto è avvenuto mercoledì, ma la notizia è stata resa nota soltanto oggi. Allegro, raggiunto dai carabinieri e dai militari della Guardia Civil spagnola, non ha avuto scampo. Il 46enne è destinatario di un ordine di carcerazione in quanto imputato, insieme a Giuseppe Polverino e a Publio Mazzi, di associazione mafiosa. A conclusione del processo il latitante ha incassato 5 anni di reclusione, con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Secondo i carabinieri, Allegro è molto vicino ai vertici del clan Polverino. Inizialmente affiliato come componente del gruppo di fuoco, il 46enne è riuscito a farsi spazio scalando le gerarchie, fino a divenire uno dei luogotenenti di Giuseppe Polverino, l’imprendibile boss a capo dell’omonimo clan. Per gli inquirenti Allegro si era stabilito in Spagna già da diversi anni, dove era in contatto con i fornitori marocchini di hashish. La vicinanza con i fornitori ed i rapporti intrecciati lo avevano reso uno dei referenti principali del clan, che proprio nel settore degli stupefacenti rappresenta una ‘holding’ egemone a livello nazionale.

Lunghe e complesse indagini hanno consentito di individuare Allegro a Estepona dove, da tempo, aveva trovato rifugio dopo aver abbandonato l'Italia in seguito all'emissione della condanna nei suoi confronti.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©