Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E' accaduto sulla nave Civitavecchia-Catania

Elicottero la preleva da traghetto, partorisce ma bimba muore


Elicottero la preleva da traghetto, partorisce ma bimba muore
19/09/2010, 19:09

NAPOLI - Colta da malore su una nave, partorisce prematuramente una bimba che muore poco dopo, in ospedale. Nonostante il tempestivo intervento dei vigili del fuoco che hanno trasportato la madre con un elicottero all'ospedale Cardarelli di Napoli, la piccola - fatta nascere immediatamente dopo l'atterraggio - non ce l'ha fatta. La bimba era prematura, venuta alla luce dopo soli sei mesi di gestazione, e le sue condizioni erano subito apparse critiche: di circa un chilo, e' stata ricoverata in un'incubatrice. Inutilmente.
La donna, Maria Zacco, romana di 34 anni, in compagnia del marito inglese, stava viaggiando sulla nave Civitavecchia-Catania, della Grimaldi Lines, quando nel tratto tra Ischia e Capri e' stata colta dalle doglie. Secondo le prime informazioni, al momento della partenza, avvenuta alle 22,30 di ieri, la donna era in un buono stato di salute. I primi sintomi di malessere, la trentaquattrenne li ha avvertiti quando la nave si trovava nel golfo di Napoli, tra le due isole. Avvertendo contrazioni sempre piu' forti e con frequenza sempre piu' ridotta e rendendosi conto che il parto poteva essere imminente, la donna ha chiesto aiuto al medico di bordo.
  Le difficili condizioni del mare e l'impossibilita' di atterraggio dell'elicottero del 118 sulla nave hanno convinto la Capitaneria di Porto a fare arrivare a bordo un ginecologo da Capri, mentre da Napoli e' partito un elicottero dei vigili del fuoco, corpo impiegato nei soccorsi in caso di calamita'.
 Con una barella calata sulla nave, la passeggera e' stata sistemata sull'elicottero e trasportata a terra. Si è temuto che il parto potesse avvenire lungo il trasferimento ma il medico, salito anch'egli sul veivolo, ha atteso per intervenire. Atterrato il mezzo a Napoli, la piccola e' stata fatta venire alla luce e ha ricevuto, purtroppo inutilmente, le prime cure. Le condizioni della madre, invece, sono state dichiarate buone.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©