Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

COmincia ad essere chiara la dinamica dell'omicidio

Elisa Claps uccisa a coltellate in due fasi successive


Elisa Claps uccisa a coltellate in due fasi successive
07/06/2010, 15:06

SALERNO - Comincia ad essere chiara la dinamica dell'omicidio di Elisa Claps, la ragazza uccisa nel 1993 nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità di Potenza. Ci fu inizialmente una aggressione con un tentativo di stupro, a cui la ragazza reagì respingendo l'aggressore. A questo punto l'uomo - per ora l'unico sospetto è Danilo Restivo - ha estratto un coltello con una lama di 5 centimetri e l'ha colpita, prima al collo e poi alla parte anteriore destra del torace. Dopo di che la ragazza ha cercato di scappare, l'assassino ha infierito col coltello, colpendo la Claps alla schiena almeno 13 volte.
Il medico legale ha anche fatto degli esperimenti su delle parrucche di capelli naturali per verificare se anche ad Elisa Claps siano state tagliate ciocche di capelli. Ed effettivamente i capelli della ragazza sono stati tagliati, un indizio supplementare contro Restivo, che si è fatto conoscere proprio per questa sua mania.
Sul fatto che nessuno si sia accorto della presenza del cadavere in putrefazione nel sottotetto, il medico legale afferma che questo è legato alla particolare conformazione del sottotetto della chiesa, che funzionava un po' come una cappa aspirante. Così gli odori nauseabondi normalmente legati alla putrefazione organica non restavano nel sottotetto e andavano via verso l'alto

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©