Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Eluana: acquisite le cartelle cliniche


Eluana: acquisite le cartelle cliniche
17/02/2009, 15:02

Su ordine del procuratore capo di Udine, Antonio Biancardi, sono state acquisite le cartelle cliniche di Eluana Englaro da 5 strutture sanitarie lombarde - situate tra Lecco, Sondrio, Milano e Bergamo - nelle quali la donna è stata ricoverata nell'arco dei 17 anni trascorsi in stato vegetativo. La richiesta di acquisizione, spiegano i carabinieri, era stata avanzata dai due anatomopatologi che hanno eseguito l'autopsia su Eluana, Carlo Moreschi e Daniele Rodriguez, allo scopo di avere un quadro più preciso su quale fosse la situazione clinica di Eluana al suo arrivo a "La Quiete" di Udine. Mons. Rino Fisichella, presidente della Pontificia accademia per la vita, ha intanto ribadito questa mattina  che ''alimentazione e idratazione non sono terapie mediche''. Riguardo alla misura del testamento biologico, al vaglio del Parlamento, Fisichella aveva precedentemente affermato che ''bisogna distinguere tra un atto medico con il quale si mette un sondino e invece idratazione e alimentazione che non riteniamo siano terapie''. Su questa posizione, aggiunge, ''siamo in buona compagnia: ci sono infatti migliaia di medici e scienziati che pensano che idratazione e alimentazione non siano una terapia. Sono elementi basilari della vita che non possono essere mai eliminati."

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©