Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

ELUANA, MEDICO GIGLI: LA VICENDA NON E' AFFARE PRIVATO


ELUANA, MEDICO GIGLI: LA VICENDA NON E' AFFARE PRIVATO
12/01/2009, 21:01

'La vicenda di Eluana Englaro non è un affare solamente privato, ma un fatto pubblicò: lo ha sottolineato in serata a Tolmezzo (Udine), partecipando ad un incontro pubblico, il docente di neuro-fisiologia dell'Università di Udine, Gian Luigi Gigli. ''La questione - ha spiegato- non può essere confinata nella sfera del rapporto tra un cittadino che esercita la funzione di tutore e una clinica, perché investe la professione medica, la vocazione delle strutture sanitarie, i rapporti di convivenza sociale ed investe soprattutto il diritto, nel senso che è innegabile che questa vicenda modifica le fondamenta del diritto nel nostro Paese. Oggi è necessaria da parte della magistratura una presa di coscienza del fatto che, sia la sentenza della Cassazione che il dispositivo del decreto della Corte d'appello di Milano, presentano delle falle ormai evidenti''. ''La sentenza della Cassazione - ha proseguito Gigli - mostra i limiti innanzi tutto della pretesa della diagnosi di reversibilità dello stato vegetativo, che credo ormai tutti abbiano detto è impossibile avere con certezza. Abbiamo solo un dato di probabilità''. Gli altri aspetti della sentenza che Gigli ha messo in discussione, sono quelli relativi all'alimentazione artificiale (''Ora se è vero che questa paziente deglutisce - ha detto - forse bisognerà tentare comunque di nutrirla con il cucchiaino'') e all'autodeterminazione a tutti i costi, ''che - a suo parere - sta mostrando anch'esso ormai qualche limite''.Secondo il docente, anche le decisioni del giudice della Corte d'appello andrebbero ripensate, ''perche' vanno sicuramente contro quella che è la buona pratica medica. Se la sentenza prevede che devono essere corrette le eventuali sofferenze del paziente provocate dalla disidratazione - ha concluso Gigli - allora uno non può correggere in medicina qualcosa che fa male, se può toglierne la causa. Deve togliere la causa''.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©