Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

EMANUELA ORLANDI E' MORTA, CHIUSO IL MISTERO DEL VATICANO?


EMANUELA ORLANDI E' MORTA, CHIUSO IL MISTERO DEL VATICANO?
23/06/2008, 12:06

Emanuela Orlandi è morta. E' il punto fermo della testimonianza della donna ascoltata 15 giorni fa dai pm della Procura di Roma Italo Ormanni, Andrea De Gasperis e Simona Maisto.
Secondo la testimonianza della donna il cadavere della ragazza sparita 25 anni fa a Roma, fu portato da Enrico De Pedis detto "Renatino", boss della Banda della Magliana, in auto chiuso in un sacco a Torvaianica, località sul litorale vicino Roma. In quell'auto si trovava la stessa testimone, all'epoca amante di De Pedis, e un'altra persona.

Oltre al cadavere di Emanuela Orlandi, secondo il racconto della teste fatto ai magistrati romani, chiuso in un altro sacco fu trasportato nell'auto da Renatino De Pedis anche il corpo di Domenico Nicitra, il bimbo di 11 anni, figlio di Salvatore, imputato al processo alla banda della Magliana, che scomparve a Roma assieme allo zio Francesco nel giugno del 1993. Tutta la testimonianza è ora al vaglio degli inquirenti, in particolare le date fornite dalla donna che apparirebbero non coerenti nello spiegare la successione degli eventi: soprattutto appare incompatibile un ruolo di De Pedis  nella vicenda Nicitra, perché il boss morì nel '90.

Dunque si chiuderebbe uno dei grandi misteri d'Italia, almeno per quanto riguarda la dinamica. Già, perché l'auspicio di molti è che ora si possa parlare di mandanti e moventi. Sempre che la Orlandi sia davvero morta. Anni, decenni, di piste diverse. Dalla banda della Magliana ad Alì Agca, dal Vaticano alle trame delle banche. Qualche tempo fa l'apertura di una strada. I resti di Emanuela Orlandi in una tomba di un cimitero di città del Vaticano? Altri anni di buio. E mentre a Roma venivano riaffissi i vecchi manifesti della ragazza, ora la doccia fredda per i familiari.

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©

Correlati