Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Garatti, Dell'Aria e Pagani sono all'ambasciata di Kabul

Emergency, liberati i tre italiani


Emergency, liberati i tre italiani
18/04/2010, 17:04

KABUL - Sembra finalmente giunta al suo positivo epilogo la spiacevolissima disavventura dei tre operatori di Emergency arrestati lo scorso 10 aprile all'ospedale di Lashkar Gah con l'accusa di complotto terroristico ai danni del governatore della provincia di Helmand.
Appena appresa la notizia della liberazione di Garatti, Dell'Aria e Pagani Frattini si è detto soddisfatto e felice per la  conclusione della vicenda. "Abbiamo ottenuto quello che era il nostro obiettivo e cioè la libertà per i nostri connazionali senza mettere in discussione la nostra posizione di ferma solidarietà con le istituzioni afghane e la coalizione internazionale nella lotta contro il terrorismo in Afghanistan", ha infatti detto il ministro degli Esteri. "Questa conclusione - ha poi precisato - è il risultato dell’intensa azione condotta dalla diplomazia italiana che ha agito con straordinaria professionalità e discrezione, nel rispetto delle istituzioni afgane che l’Italia e la comunità internazionale stanno aiutando a crescere".
Il numero uno della Farnesina ha poi concluso esternando la volontà di "condividere le nostre felicitazioni in particolare con i familiari dei tre italiani", i quali sono stati tempestivamente "informati degli sviluppi positivi odierni e di cui ho sinceramente", dimostrando un "comportamento responsabile tenuto in questi giorni difficili per tutti".
L'intricato e delicato caso emergency dunque si sgonfia nel giro di poco più di una settimana e, fortunatamente, riesce a svincolarsi dalle già numerosissime strumentalizzazioni prontamente montate ad arte dalle diverse formazioni politiche. I tre medici volontari al momento si trovano all'ambasciata di Kabul e stanno bene.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©