Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Emergenza Castagni, Coldiretti: “adozione di interventi con Sit-In a Napoli e a Roma”


Emergenza Castagni, Coldiretti: “adozione di interventi con Sit-In a Napoli e a Roma”
20/06/2011, 11:06

Per sollecitare l’adozione degli interventi necessari a far fronte alla grave emergenza fitosanitaria che sta colpendo i castanicoltori campani in seguito agli intensi attacchi dell’insetto Cinipide Galligeno del castagno, comunemente conosciuto come vespa cinese, Coldiretti ha promosso sit-in di protesta per il giorno 22 giugno prossimo alle ore 9 presso la sede della Regione Campania all’isola A6 del Centro Direzionale e per venerdì 24 giugno davanti alla sede del Ministero dell’Agricoltura in via XX Settembre a Roma.
In considerazione della previsione della riduzione di almeno il 50% della produzione 2011, Coldiretti Campania evidenzia che è necessario mettere in campo con urgenza tutti i possibili provvedimenti per far fronte al mancato reddito dei castanicoltori e dell’intera filiera interessata che potrebbe comportare gravi ricadute economiche ed ambientali per i già precari equilibri socio territoriali delle aree interne.
In Campania la coltivazione del castagno è di particolare rilevanza. Caratterizza profondamente estese aree interne della regione. Basti pensare che secondo dati ISTAT oltre il 50% (28.000 tonnellate) della produzione nazionale di castagne è campana. In Campania sono state censite oltre 13.000 aziende agricole che coltivano castagne su circa 23.000 ettari. Le provincie di Avellino, Salerno e Caserta concentrano il 93% della superficie e il 97 % delle aziende castanicole della Regione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©