Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Allarme a Roscigno

Emergenza frane nel Cilento, interi paesi a rischio


Emergenza frane nel Cilento, interi paesi a rischio
07/12/2010, 12:12


ROSCIGNO (Sa) - «E’ una frana spaventosa, speriamo che gli enti sovraccomunali ci aiutino ad uscire dall’emergenza». E’ l’sos lanciato ieri dal sindaco di Roscigno, Luca Iannuzzi. «Al momento il centro abitato non è interessato dal movimento franoso - spiega il primo cittadino - ma considerata la morfologia della zona bisogna tenere alta l’attenzione sull’intero territorio comunale». Il movimento franoso iniziato tra venerdì e sabato scorsi a Roscigno sotto una forte pioggia, purtroppo non si è ancora fermato. La frana ha interessato la Provinciale 342, strada chiusa al transito giá dalle prime ore di sabato mattina. Finora la frana ha interessato un tratto di circa cinque chilometri di terreno e si è avvicinata a circa 400 metri dall’ingresso del paese. Tra l’altro, dalla centrale idroelettrica ubicata a valle di Roscigno fuoriesce acqua torbida che avvalora l’ipotesi che il movimento franoso abbia investito anche sorgenti d’acqua sotterranee. Giá evacuata sabato pomeriggio una famiglia la cui abitazione è in localitá Sant’Andrea, a circa un chilometro dal centro abitato. Successivamente il sindaco ha firmato un’ordinanza di sgombro anche per alcune aziende agricole della zona. «Stiamo lavorando affinché Roscigno non resti isolato», ha dichiarato l’assessore provinciale alla viabilitá, Marcello Feola, che si è recato sul posto per verificare l’entitá della frana che sta mettendo seriamente a rischio la sicurezza del comune di Roscigno. Preoccupazione anche per le precarie condizioni della Provinciale 418 che collega Roscigno con Bellosguardo. La strada è interessata anch’essa dal movimento franoso. «Su quel tratto - ha spiegato l’assessore Feola - sono giá iniziati lavori di messa in sicurezza per evitare l’isolamento del paese. Stiamo facendo il possibile - continua Feola - ma la situazione a Roscigno, come in tante altre zone del Cilento, è davvero difficile. Serve un piano straordinario di intervento che raggruppi i punti della provincia maggiormente colpiti da frane e smottamenti. Considerata l’entitá della frana di Roscigno, è necessario anche l’aiuto degli altri enti». Intanto resta grave la situazione a Ostigliano, la frazione di Perito minacciata dallo scivolamento a valle di un’intera collina. «Anche per Ostigliano c’è bisogno di un intervento urgente - continua Feola - stiamo monitorando anche quella criticitá ma al momento la situazione è critica dappertutto».

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©