Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Alemanno contro il servizio meteo: "Inefficiente"

Emergenza meteo: una vittima ad Avellino. Polemiche a Roma

Donna travolta dalla neve. Civitavecchia: incidente al porto

Emergenza meteo: una vittima ad Avellino. Polemiche a Roma
04/02/2012, 13:02

ROMA – Uno squarcio lungo 30 metri, tanta paura, ma per fortuna nessuna vittima e nessun ferito. La nave Tirrenia “Sharden”, in partenza da Civitavecchia e diretta a Olbia, nella notte ha urtato la banchina del porto, quasi sicuramente a causa delle avverse condizioni meteorologiche e del forte vento (che al momento dell’urto soffiava con raffiche di circa 30 nodi). L’impatto ha subito provocato una spaccatura di 30 metri al di sopra della linea di galleggiamento. 262 passeggeri e 53 membri dell’equipaggio si trovavano sulla nave al momento dell’incidente: per loro è scattata subito la paura di dover fare la stessa fine della Costa Concordia (era il 13 gennaio scorso quando la Concordia partì dallo stesso porto di Civitavecchia per incagliarsi poi all’isola del Giglio), ma per fortuna le cose sono andate diversamente. L’immediato intervento della Guardia costiera locale, infatti, che ha coordinato i lavori con due rimorchiatori, ha permesso di guidare la nave in banchina e di metterla in sicurezza. Nessun danno, quindi, per le persone a bordo, che sono state fatte sbarcare con una passerella: 50 di loro, quelli che viaggiavano senza auto, sono stati imbarcati all’alba su un altro traghetto della stessa compagnia, lo “Scintu”, sempre diretto a Olbia. Attesa, invece, per gli altri 212, con mezzi al seguito: per loro c’è un secondo traghetto della Tirrenia, la “Nomentana”, ma dovranno attendere l’apertura del portellone posteriore della “Sharden”, in modo tale da poter scaricare auto e camion, che dovranno essere poi caricati sulla “Nomentana”.

CONTINUA L’EMERGENZA MALTEMPO
Intanto sono ancora critiche le condizioni meteorologiche in tutta Italia. Continua a nevicare in diverse regioni della Penisola e questa comporta diversi disagi. Risveglio sotto una montagna di neve anche per i romani: l’abbondante nevicata durata per gran parte della notte, e che dovrebbe continuare fino alle 12:00 di oggi, ha causato la caduta di numerosi alberi, disagi per chi circola (solo con catene o pneumatici da neve), e autobus: in tilt la circolazione e l’intera organizzazione della vita cittadina. La situazione è particolarmente critica al Nord e al Centro Italia.
 
ALEMANNO: “DATI METEO INSUFFICIENTI”.
Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che ha deciso la sospensione dell’attività didattica e la chiusura degli uffici pubblici, se la prende con il “servizio di previsioni inadeguato e con dati insufficienti” e chiede una commissione d’inchiesta. Il primo cittadino chiede anche di verificare “l’operato di tutti” in seguito a una situazione “largamente minimizzata, con previsioni nettamente inferiori” e invita i cittadini a non uscire di casa se non in casi di stretta necessità.

DONNA TRAVOLTA DALLA NEVE IN IRPINIA
Una vittima ad Avellino. Si tratta di una donna 46enne, morta perché travolta dalla neve. L’episodio è avvenuto a Pietradefusi, dove la donna gestiva un vivaio, dove ha trovato la morte. Per controllare lo stato delle piante, si è recata in una serra ed è rimasta schiacciata da un telone carico di neve che ha ceduto improvvisamente. Sono stati i familiari a dare l’allarme, ma, per l’impossibilità dei soccorritori di raggiungere immediatamente la zona, la donna è morta nella neve. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del comando provinciale di Avellino, che hanno lavorato ai limiti del possibile per cercare di trarre in salvo la donna prima che fosse troppo tardi.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©