Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Allerta meteo in tutta Italia: “Ondata eccezionale”

Emergenza neve: su Roma una squadra di 6000 persone

Per adesso 46 le vittime. Anche un’anziana di Portici

Emergenza neve: su Roma una squadra di 6000 persone
10/02/2012, 09:02

ROMA - Seimila persone avranno il compito di difendere la Capitale dalla neve. Dopo l’emergenza di una settimana fa, e le relative polemiche a seguire, Roma ha deciso di non farsi trovare impreparata dalla nuova ondata di freddo e gelo, che a partire da oggi dovrebbe interessare l’intero Stivale. Il piano messo a punto dall’amministrazione comunale tocca cifre addirittura esagerate per quella che può essere l’emergenza neve nella Capitale a differenza di altre regioni e località italiane.
Seimila uomini appunto: una grande truppa, per la quale si è deciso di far arrivare anche persone dal Nord, mancando nella città di Roma figure come quella dei taglialegna e dei boscaioli (ne arriveranno 80 provenienti dal Trentino). Figure a quanto pare importanti, visto che la scorsa settimana c’è stata una vera strage di alberi e rami, che si sono abbattuti nelle strade, moltissimi ancora da smaltire. La novità più grande riguarda il “pattuglione antineve”, che con il passare delle ore si posizionerà nei punti strategici della città, per spalare la neve e liberare le strade.
Questa volta l’evento è stato annunciato nei tempi dovuti e quindi Roma non potrà poi dirsi colta di sorpresa. Ed è per questo che il sindaco Alemanno sembra aver deciso di strafare. Il nuovo allarme maltempo di questi due giorni dovrebbe colpire tutto il Paese, con neve e vento gelido anche nel centro sud Italia. Le regioni particolarmente colpite saranno Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, Lazio, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria. L’Italia intera, dunque, continuerà ad essere provata da questa emergenza maltempo, come non si vedeva da trent’anni.

LA CONTA DELLE VITTIME
Sale a 46 il numero delle vittime del maltempo solo in Italia. Ieri altre quattro persone sono morte: si tratta di due uomini in Calabria, un uomo nel cremonese e un’anziana donna trovata morta in casa nel napoletano, a Portici. La donna è morta per assideramento

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©