Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Capodanno: Perché non funzionano telecamere già installate?

Emergenza per la sicurezza al Vomero


Emergenza per la sicurezza al Vomero
26/07/2010, 10:07


NAPOLI - Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari ed ex presidente della Circoscrizione lancia l’ennesimo allarme contro la delinquenza e la microcriminalità che hanno invaso il quartiere collinare. “Sbaglia - ha affermato Capodanno - chi vuole fare sottili distinzioni tra la microdelinquenza e la delinquenza organizzata. Sono due aspetti dello stesso fenomeno che vanno combattuti con la stessa determinazione, utilizzando tutte le forze e le risorse disponibili. I fenomeni delinquenziali stanno subendo nell’area collinare della Città, in questo ultimi mesi, un escalation impressionante mettendo a repentaglio costantemente la sicurezza ma anche la pazienza dei vomeresi. I dati sulle denunce non sempre danno l’esatta dimensione del fenomeno in quanto i napoletani non manifestano eccessiva fiducia nelle istituzioni e, sovente, sbagliando, non perdono neppure più tempo a denunciare gli episodi delinquenziali dei quali restano vittime". “E’ notorio che al Vomero, e non da oggi, si vive in uno stato di continua e quotidiana tensione con l’aggravante che, dall’inizio del mese di luglio, è sempre più raro vedere per le strade rappresentanti delle forze dell’ordine – denuncia Capodanno -. Il poliziotto di quartiere ed il carabiniere di prossimità sono figure che oramai vivono solo nell’immaginario collettivo. Il quartiere appare abbandonato, nelle mani di delinquenti piccoli e grandi, specialmente nel lasso di tempo che va dalle 13,30 alle 16,30 quanto scompare anche quella manciata di vigili urbani che prestano servizio per la viabilità". “A dimostrazione gli episodi di cronaca nera di questi giorni che riguardano anche minori, alcuni dei quali avvenuti proprio nella centralissima piazza Vanvitelli, dove da tempo è installata una videocamera per la sorveglianza (foto allegata) – precisa Capodanno - E crescono, a giusta ragione, le vibrate proteste di residenti e commercianti per una videosorveglianza che non decolla, nonostante le ingenti risorse economiche già investite negli anni scorsi. Si badi bene: non ci si riferisce al progetto, pubblicizzato in questi giorni, che sembra sia nato il mese scorso da un accordo tra il Comune di Napoli ed il Ministero dell’Interno, bensì alle circa 30 telecamere installate nelle strade del quartiere da alcuni anni, che non comprende se siano mai entrate in funzione né si conoscono i motivi del loro eventuale mancato funzionamento. E con l’approssimarsi del mese di agosto, con molti vomeresi in vacanza, aumentano le preoccupazioni per l’entrata in azione anche dei ladri di appartamento, per la qual cosa molti condomini stanno pensando di ricorrere alla vigilanza privata, assumendo un onere economico non indifferente". “Ci auguriamo – conclude Capodanno - che, anche alla luce dei sempre più frequenti episodi di cronaca nera, venga convocata un’apposita riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, al fine d’intraprendere, con l’urgenza del caso, tutte le iniziative necessarie per garantire la sicurezza dei cittadini, a partire dal rafforzamento e da una migliore organizzazione delle forze dell’ordine, con particolare riferimento al periodo estivo ed all’area collinare della Città".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©