Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ha fatto discariche, differenziata e inceneritore

Emergenza rifiuti: Bertolaso non sa perchè non è finita


Emergenza rifiuti: Bertolaso non sa perchè non è finita
23/09/2010, 15:09

NAPOLI - «Non si capisce per quale ragione oggi ci sia a Napoli la spazzatura nelle strade, c’è qualcosa che non mi torna». Lo dice il capo della Protezione civile Guido Bertolaso, intervenuto alla trasmissione «Radio anch’io» commentando la situazione che si va profilando in Campania. Sicuramente non lo capisce perché forse non ha mai capito la situazione campana. Stiamo assistendo, spiega, «a dei tentativi di smarcarsi, di passare il cerino a qualcun altro o di dire che qualcosa non è stata fatta bene quando ce ne siamo occupati noi». Tentativi che però non hanno ragione di esistere: «abbiamo fatto le discariche e sistemato il ciclo di raccolta della spazzatura - sottolinea - avviato la raccolta differenziata in maniera seria e realistica e abbiamo aperto l’impianto di Acerra, che a detta di tutti e il miglior termovalorizzatore che c’è in Italia». Dunque, conclude «non si capisce perchè oggi vi sia la spazzatura nelle strade». Ha fatto le discariche, è vero, ma tra tutti i posti possibili le ha fatte proprio nei parchi nazionali e cittadini, cosa praticamente assurda, anche in situazioni di estrema emergenza. I parchi nascono per proteggere determinate aree, una discarica distrugge invece. Molte discariche sono state sequestrate dalla magistratura perché illegali, la raccolta differenziata forse se l’è sognata perche a Napoli esiste un solo sacco, quello nero. L’impianto di Acerra, il migliore d’Italia è già rotto e ci vorranno mesi per ripararlo e farlo tornare in funzione. Quando ci si sveglierà da questo sonno, dire che a Napoli il problema rifiuti è stato risolto sembra un film, forse Bertolaso dovrebbe parlarne con de Laurentiis, sicuramente ne uscirebbe qualcosa di meglio.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©