Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Enel e Federconsumatori per le comunità di immigrati in Campania


Enel e Federconsumatori per le comunità di immigrati in Campania
24/03/2010, 13:03


NAPOLI - Sarà la sede Enel di Via Galileo Ferraris ad ospitare giovedì 25 marzo il primo incontro dedicato alle comunità di immigrati in Campania per conoscere e utilizzare al meglio i servizi energetici offerti della società. L'iniziativa è frutto della collaborazione tra Enel e Federconsumatori Campania ed è rivolta agli sportellisti ed ai rappresentanti delle principali Comunità di cittadini immigrati presenti in Campania, con cui la Federconsumatori è costantemente in contatto grazie al servizio offerto dallo sportello "Mondo Intero", inaugurato a Napoli lo scorso novembre. Il progetto nasce dall'esigenza di poter fornire alle principali Comunità di cittadini immigrati gli elementi necessari per un accesso semplice e consapevole ai servizi di fornitura energetica: energia elettrica e gas. L'incontro, che coinvolgerà circa 30 persone - due esponenti per ciascuna comunità e il loro mediatore culturale - consentirà ai partecipanti di acquisire tutte e informazioni utili per una facile lettura della bolletta elettrica e per un uso più consapevole dei servizi commerciali offerti da Enel. "Al centro dell'attenzione di Enel ci sono i suoi clienti, di tutte le nazionalità - ha dichiarato Marina Migliorato, responsabile Enel Rapporti con le Associazioni -. Siamo orgogliosi di aver realizzato questo progetto, grazie alla collaborazione di Federconsumatori e delle comunità dei cittadini immigrati che vivono a Napoli. Un progetto pilota di 'sostenibilità sociale' che riguarderà soprattutto i cittadini immigrati appartenenti alle fasce più svantaggiate e che speriamo di poter estendere presto a tutto il territorio nazionale". "Siamo molto contenti di questa iniziativa con Enel - ha sottolineato Rosario Stornaiuolo , presidente Federconsumatori Campania - la prima su tutto il territorio italiano, in questo modo i cittadini immigrati potranno conoscere al meglio i diritti acquisiti che consentono una sempre maggiore integrazione nel tessuto sociale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati