Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Davanti al supermercato, una 13enne fermata da 2 marocchini

Episodi di violenza a Peschiera del Garda e nel Comasco

A Cantù una ventenne è stata violentata sabato notte

Episodi di violenza a Peschiera del Garda e nel Comasco
14/03/2012, 11:03

PESCHIERA DEL GARDA (VERONA) Una violenza brutale che non si è consumata, ma ha ferito dentro delle giovani ragazze. A Peschiera del Garda sono stati fermati due pregiudicati di origine marocchina. I due uomini avevano inseguito due ragazzine, di 13 e 11 anni, nei pressi di un supermercato. Le due cugine sono state prima minacciate verbalmente, poi la più grande è stata bloccata da uno dei due marocchini, il quale le ha stretto una mano intorno al seno e ha pronunciato parole incomprensibili. In un primo momento, la più piccola ha perso i sensi, poi ha prestato soccorso alla cugina, che nel frattempo si era riuscita a divincolare dalle mani del violentatore. Insieme hanno chiesto aiuto ai passanti, mentre i due marocchini sono fuggiti. Le ragazzine hanno anche chiamato con il telefono cellulare i carabinieri, che hanno rintracciato in poco tempo i due pregiudicati, arrestandoli.
Un altro episodio simile è avvenuto all'interno di un centro commerciale di Peschiera del Garda. Un uomo è stato sorpreso mentre si masturbava vicino a una ragazzina di 13 anni che si stava avviando al bagno. Gli addetti alla sicurezza del centro commerciale hanno chiamato i carabinieri, che sono riusciti a intervenire prima che l'uomo lasciasse il supermercato. L'uomo, Tomas Baroni di 38 anni è stato portato in caserma.

VIOLENZA NEL COMASCO
CANTU' (COMO) - Una ragazza di 20 anni è stata aggredita e violentata nella notte tra sabato e domenica a Cantù, in provincia di Como. La notizia è comparsa sui siti d'informazione locale solo stamattina. La ragazza era in compagnia di una sua coetanea e insieme si erano avvicinate a un distributore automatico di sigarette. Una volta acquistato il prodotto, le due ragazze hanno notato qualcuno che le seguiva. Hanno cominciato a correre, ma una delle due è stata bloccata e violentata. L'altra ragazza è riuscita a dare l'allarme, ma quando i carabinieri sono arrivati, l'aggressore era già fuggito. La ventenne vittima dello stupro è stata trasferita poi in un ospedale di Milano, dove è stata raggiunta dai familiari. L'episodio è avvenuto verso l'una di notte in una zona isolata di Cantù.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©