Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ha violato gli obblighi imposti dalla sorveglianza speciale

Ercolano: arrestato ras del clan Ascione-Papale


.

Ercolano: arrestato ras del clan Ascione-Papale
28/01/2010, 14:01

ERCOLANO – E’ stato sorpreso dai carabinieri della locale tenenza in compagnia di alcuni pregiudicati, è finito in manette. Si tratta di Natale Suarino, 43anni, ras del clan Ascione-Papale. L’uomo ha violato gli obblighi imposti dalla sorveglianza speciale. Suarino è stato fermato dai militari, coordinati dal tenente Francesco Altieri, impegnati in un servizio di controllo del territorio, in via Panoramica, nei pressi della sua abitazione, in compagnia di volti già noti alla giustizia. Immediatamente è scattato l’arresto e l’uomo è stato tradotto nel carcere napoletano di Poggioreale. Esponente di spicco del clan Ascione-Papale, Suarino da pochi mesi sottoposto alla misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno ad Ercolano, disposta dal tribunale della sorveglianza dopo la scarcerazione del ras, era tra i pochi rimasti liberi dopo le maxi operazioni messe a segno nei mesi scorsi dalle forze dell’ordine che hanno decapitato i clan della città di Ercolano. L’arresto di Suarino è un altro duro colpo inferto alla criminalità organizzata nella città degli scavi. Da giorni i carabinieri stanno presidiando il territorio con controlli e perquisizioni nei quartieri della malavita. Dopo l’arresto di Suarino, i militari hanno  effettuato una perquisizione a casa  del 43enne e hanno trovato una telecamera collegata ad un televisore ed installata sul balcone della sua abitazione. Un sistema spesso utilizzato dagli affiliati per proteggersi da irruzioni delle forze dell’ordine e delle cosche rivali. E’ il secondo caso in pochi giorni. Un dato che mette in luce come sia ancora forte la tensione tra  i due clan da anni in lotta per la gestione degli affari illeciti sul territorio. Solo pochi giorni fa, infatti, i carabinieri hanno sequestrato a casa di Francesco Durantini, ritenuto affiliato al clan degli Iacomino-Birra, sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, un impianto di videosorveglianza. Secondo gli inquirenti Durantini che in passato ha fatto da autista al boss Giovanni Birra ha assunto il controllo del clan dopo l’arresto dei fratelli Savino.  
 

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©