Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fucili, pistole e un machete rinvenuti in un'abitazione

Ercolano, arsenale sequestrato dai carabinieri


.

Ercolano, arsenale sequestrato dai carabinieri
11/06/2010, 15:06

ERCOLANO – Fucili, pistole e addirittura un machete. Un vero e proprio arsenale rinvenuto dai carabinieri della tenenza di Ercolano nell’appartamento di un uomo di 39 anni residente in città.
Un appassionato di armi di qualsiasi genere che collezionava e custodiva in casa, dei veri strumenti di morte tenuti in perfetto stato di conservazione.
Tanto era fornita la sua collezione privata che anche i militari non credevano ai propri occhi quando hanno fatto irruzione nell’abitazione dell’uomo scoprendo l’arsenale.
Il 39enne è stato dunque denunciato per violazione della legge sulle armi.
L’uomo, volto già noto alle forze dell’ordine, tuttavia, non sarebbe considerato dagli inquirenti legato a nessuna organizzazione criminale operante sul territorio.
Nel corso della perquisizione i carabinieri hanno trovato ogni tipo di arma: due fucili a canna singola ad avancarica, un fucile a canna singola a retrocarica  e uno modello winchester del tipo carabina, una pistola di ottone e una a tamburo.  
E non solo; in casa del 39enne, non solo armi da fuoco, sono stati rinvenuti e sequestrati anche un machete, una spada da samurai e un arco professionale con dodici frecce quattro delle quali con la punta di ferro.
La perquisizione è avvenuta nell’ambito dei controlli effettuati dalle forze dell’ordine nei confronti di persone sottoposte al regime di detenzione domiciliare. Il 39enne, infatti, già in passato si era reso responsabile di detenzione illegale di armi comuni da sparo, da punta e da taglio e per questo era ai domiciliari.
Dopo questo nuovo sequestro, dunque, l’uomo rischia di finire nuovamente sotto processo per la recidiva del reato. Per ben due volte infatti, il pregiudicato è stato trovato in possesso di armi senza avere però la necessaria autorizzazione.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©