Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dopo il racket, l’amministrazione si mobilita contro l’usura

Ercolano: Niente tasse per chi denuncia gli usurai


.

Ercolano: Niente tasse per chi denuncia gli usurai
21/01/2010, 15:01

ERCOLANO – Dopo il racket, l’amministrazione comunale si mobilita anche contro l’usura. Non pagheranno le tasse comunali per tre anni anche i cittadini pronti a denunciare gli usurai. L’iniziativa arriva dopo il provvedimento messo a punto dal sindaco Nino Daniele a favore degli imprenditori disposti a dire basta alle richieste estorsive, per porre fine a soprusi e vessazioni. La delibera di giunta che ha avuto il via libera del consiglio comunale lo scorso 8 gennaio ha già dato i primi frutti. Sonno circa 20, infatti, gli imprenditori coraggiosi che saranno premiati dal Comune con sgravi fiscali fino al 2013. Benefici che consentiranno loro di risparmiare oltre 20mila euro. Un risultato significativo che arriva anche dopo le maxi operazioni delle forze dell’ordine che negli ultimi mesi hanno decapitato i clan che si contendono la gestione degli affari illeciti sul territorio. Il provvedimento, infatti, stabilisce che chi ha già denunciato o intende farlo sarà premiato dall’amministrazione cittadina a patto che chi voleva imporre il pagamento del pizzo a danno della sua attività commerciale sia stato condannato o rinviato a giudizio. Per  poter beneficiare delle agevolazioni serve almeno la sentenza di primo grado. L’auspicio dell’amministrazione comunale è che l’elenco possa crescere. E proprio a fronte dei primi riscontri positivi, ieri la giunta ha messo ai voti una nuova delibera che prevede gli stessi benefici per quanti saranno disposti a denunciare i cosiddetti "cravattari" alle forze dell’ordine o alla magistratura. “Siamo preoccupati per il diffondersi del fenomeno in piena crisi economica - così il sindaco di Ercolano ha motivato la scelta di estendere l’iniziativa anche a quelli che denunciano l’usura - . L’accrescersi della povertà - spiega il primo cittadino - le difficoltà delle piccole aziende danno spazio ad un fenomeno criminale particolarmente odioso e difficile da combattere senza la collaborazione delle vittime. Ad Ercolano segnali importanti di incrinatura del muro di omertà si sono già manifestati: dobbiamo fare in modo di consolidare ed estendere la decisione di sottrarsi all’intimidazione e al ricatto dei cravattari”. Una duplice iniziativa volta dunque ad esprimere vicinanza a chi trova il coraggio di ribellarsi ad estorsori ed usurai attraverso un sostegno concreto. Ma la battaglia dell’amministrazione non si ferma qui. Nei prossimi giorni verranno messe in campo nuove iniziative. In collaborazione con la Pro Loco verrà promossa una campagna di sensibilizzazione della cittadinanza a sostegno dell’associazione antiracket e antiusura “Ercolano per la legalita” anche mediante eventi spettacolari.

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©