Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A suo carico le spese di lite, circa 72 mila euro

Eredità Agnelli: Margherita perde il ricorso in appello


Eredità Agnelli: Margherita perde il ricorso in appello
10/04/2012, 18:04

TORINO - La Corte d'appello civile di Torino ha respinto il ricorso presentato da Margherita Agnelli de Pahlen, figlia di Gianni Agnelli, per ridiscutere l'eredità del padre. I giudici hanno confermato l'esito della sentenza di primo grado pronunciata dal tribunale nel maggio del 2010. L'azione legale di Margherita Agnelli riguardava la madre, Marella Caracciolo Agnelli, e i tre amministratori del patrimonio dell'Avvocato, Franzo Grande Stevens, Gianluigi Gabetti e il commercialista svizzero Siegfried Maron. Margherita Agnelli dovrà rifondere alle quattro «parti appellate» le spese di lite, quantificate complessivamente in 72 mila euro (18 mila per ciascuna). Ritenendo che l'ammontare esatto dell'eredità paterna non le fosse stato comunicato interamente, Margherita Agnelli aveva chiesto l'annullamento dell'accordo siglato con la madre in Svizzera nel 2004 e un rendiconto completo di tutti i beni e di tutte le attività del padre (che era morto a Torino il 24 gennaio 2003 a 81 anni). 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©