Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Capri, la donna si è impegnata per restyling della Capilupi

Ereditiera dona due milioni alla clinica che curò il marito


.

Ereditiera dona due milioni alla clinica che curò il marito
10/01/2012, 16:01

CAPRI - Un dono per onorare la memoria del defunto marito, Che in quella clinica caprese venne amorevolmente curato prima della sua dipartita. Sembra una storia di altri tempi e invece è una bella favola del tempi moderni che proviene dall’isola azzurra: la Clinica Capilupi di Capri torna al suo splendore grazie all’impegno di una benefattrice, la Signora Claudia Messanelli-Zweig, che ha voluto assumersi l’onere economico di 2 milioni e centomila euro per l’esecuzione di lavori di recupero ed adeguamento funzionale dell’ospedale in cui venne curato il proprio caro.
 
La Signora Zweig, berlinese di nascita, classe 1926, attualmente risiede nell’isola di Capri, dove vive da sola. Il contratto in essere prevede che i lavori per la clinica siano realizzati da ditta di fiducia della benefattrice che, nella fattispecie, si costituisce nella qualità di committente mentre l’ASL NA 1 CENTRO risulta terzo beneficiario. L’attuale struttura ospedaliera è sita nel Comune di Capri in prossimità di Largo Due Golfi ed è accessibile dalle vie provinciali per Marina Piccola e per Anacapri e dalla strada comunale Torina che si diramano rispettivamente lungo i confini Nord, Est e Sud dell’area di sedime su cui insiste l’intero presidio.
Il complesso è costituito da più corpi di fabbrica tra loro adiacenti e comunicanti che sono stati edificati ed ampliati in epoche diverse nella splendida cornice caprese.
Il nucleo più antico – degli inizi del ‘900 – è di circa 320 mq di superficie lorda. Ha l’entrata principale da via provinciale per Anacapri ed è costituito da un edificio dalla forma pressoché regolare con struttura in muratura portante che si sviluppa per due piani di altezza collegati verticalmente da una scala a pianta rettangolare del tipo a pozzo.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©