Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Un articolo farneticante sul sito dell'UCCR

"Ero gay, ora sono guarito": ed è polemica sul web


'Ero gay, ora sono guarito': ed è polemica sul web
24/10/2011, 14:10

ROMA - Ennesimo caso (tutto da dimostrare ovviamente) di un presunto gay che dice di essere guarito. Tutto parte da un articolo pubblicato sul sito dell'UCCR (Unione Cristiano Cattolici Razionali, una contraddizione in termini), firmato da un nick, "Adamo Creato". SI presenta come un 28enne romano che dice di essere stato con le ragazze, poi di essere stato "attirato" dal mondo gay, ma di essere rimasto incerto, con un vuoto dentro. Un vuoto che la religione ha colmato e gli ha fatto capire che lui deve andare con le donne. Per chi vuole leggere l'articolo completo, lo può fare cliccando qui.
Tuttavia, si impone qualche considerazione. Innanzitutto, leggendo il testo, si capisce solo che il ragazzo è una persona dalla sessualità confusa, se quello che racconta è vero, e non di un gay.
In realtà l'essere gay è una condizione naturale, esattamente come l'essere uomo o donna. Vediamo perchè. Di norma si dice che se uno è uomo o donna è scritto nella 23esima coppia di cromosomi: se hanno la forma di una XX, sarà una femmina; se la forma è XY, sarà un maschio. Vero, ma solo per l'aspetto esterno. Invece c'è un altro cromosoma, il 17, all'interno del quale viene deciso - a seconda della quantità di ormoni prodotti - se la persona sarà attratta sessualmente da uomini o da donne. Nel 90% dei casi, circa, i due cromosomi sono coordinati, ed abbiamo gli eterosessuali. Ma c'è circa un 10% dei casi in cui i cromosomi non sono coordinati e quindi abbiamo una donna con un cervello attratto dalle donne oppure un uomo con un cervello attratto da un uomo. Insomma, un gay. Ed è chiaro che, essendo una condizione naturale e scritta nel DNA umano, non si può guarire. Perchè non è una malattia.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©